Via Lattea: sorprendenti novità dalla missione ESA Gaia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 giu. (askanews) - Nuovi dettagli della nostra galassia arrivano dalla missione Gaia dell'Agenzia spaziale europea che oggi ha rilasciato il nuovo catalogo, la Data Release 3 (DR3) completa, durante un evento a cui ha partecipato anche il dg dell'ESA Josef Aschbacher oltre a diversi scienziati della collaborazione internazionale Gaia.

Il catalogo Gaia Data Release 3 contiene dettagli nuovi e approfonditi relativi a quasi due miliardi di stelle della nostra galassia. Il catalogo comprende nuove informazioni, tra cui composizioni chimiche, temperature, colori, masse ed età delle stelle, nonché la velocità con la quale si avvicinano o si allontanano da noi (velocità radiale). La maggior parte delle informazioni è stata rilevata dai dati appena pubblicati relativi alla spettroscopia, una tecnica che seziona la luce stellare nei suoi elementi costituenti, come se si trattasse di un arcobaleno. Tra i dati rientrano anche sottoinsiemi speciali di stelle, come quelle che cambiano luminosità nel corso del tempo.

Inoltre, questa nuova serie di dati riporta il più ampio catalogo mai compilato di stelle binarie, migliaia di oggetti del Sistema Solare, quali asteroidi e lune planetarie, milioni di galassie e quasar all'esterno della nostra Via Lattea.

Una delle scoperte più sorprendenti emerse dai nuovi dati - evidenzia ESA - è che Gaia è in grado di rilevare i terremoti stellari, ovvero piccoli movimenti sulla superficie di una stella, che modificano la forma delle stelle, attività per la quale l'osservatorio non era stato concepito in origine. "I terremoti stellari ci insegnano molto sulle stelle, in particolare sul loro funzionamento interno. Gaia sta aprendo una miniera d'oro per la cosiddetta 'astrosismologia' delle stelle massicce", afferma Conny Aerts della KU Leuven in Belgio, membro della collaborazione Gaia.

"La nostra galassia è un meraviglioso crogiolo di stelle", afferma Alejandra Recio-Blanco dell'Observatoire de la Côte d'Azur in Francia, membro della collaborazione Gaia. "Questa diversità è estremamente importante, perché ci racconta la storia della formazione della nostra galassia. Rivela i processi di migrazione all'interno della nostra galassia e di accrescimento da galassie esterne. Dimostra inoltre chiaramente che il nostro Sole e di conseguenza noi, apparteniamo a un sistema in continua evoluzione, formatosi grazie all'assemblaggio di stelle e gas di diversa origine".

Altri documenti pubblicati oggi testimoniano la portata e il potenziale delle scoperte di Gaia. Un nuovo catalogo di stelle binarie presenta la massa e l'evoluzione di oltre 800 mila sistemi binari, mentre una nuova indagine sugli asteroidi, che comprende 156mila corpi rocciosi, analizza più a fondo l'origine del nostro Sistema solare. Gaia sta anche rivelando informazioni su 10 milioni di stelle variabili, su misteriose macromolecole presenti nel gas tra le stelle, nonché su quasar e galassie lontane.

"A differenza di altre missioni mirate a oggetti specifici, Gaia è una missione di ricerca. Ciò significa che Gaia, pur scandagliando più volte l'intero cielo con miliardi di stelle, è destinata a fare scoperte che ad altre missioni più specializzate sfuggirebbero. Questo - afferma Timo Prusti, Gaia Project Scientist ESA - è uno dei suoi punti di forza e non vediamo l'ora che la comunità astronomica analizzi i nuovi dati per scoprire sulla nostra galassia e sui suoi dintorni ancora più di quanto avremmo potuto immaginare", afferma Timo Prusti, Gaia Project Scientist ESA.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli