"Via le mascherine nelle palestre atto dovuto"

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 mag. (Adnkronos) – Via da ieri le mascherine anche nelle palestre e negli impianti sportivi chiusi: "è un atto dovuto, eppure ancora in molti le usano. Ora però è una scelta personale, un po' come il casco in bici che in nessun paese giustamente è obbligatorio ma suggerito". Lo dice all'Adnkronos Giampiero Guglielimi, presidente dell'Anpals, associazione nazionale palestre e strutture private sportive.

"Era cosa nell'aria, dovuta. Certo, bisogna mantenere quelle regole di buonsenso: quando c'è tanta gente al chiuso. In palestra non si usano, è fuori logica". E soprattutto, ora che se ne può parlare, "sarei curioso di saper quanta gente utilizzava le mascherine secondo le regole: la sostituzione ogni 4-5 ore, la disinfezione. Non so in quanti l'abbiano effettivamente fatto". Per gli impianti sportivi, comunque, la fine dell'obbligo "significa solo maggior libertà d'accesso: si è insomma tornati alla normalità. Siamo soddisfatti, ripeto che si tratta di un atto doveroso".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli