Via libera ai vaccini aggiornati contro Omicron. Cosa ne sarà di quelli vecchi?

Zumapress / Agf

AGI - Dopo il via libera dell'Agenzia europea dei medicinali Ema, ecco l'ok dell'Agenzia italiana del farmaco ai vaccini anti-Covid adattati contro la variante Omicron Ba.1 e, seppure in misura minore, quella Ba.4/5. Lo ha deciso la Commissione tecnico scientifica dopo la riunione di oggi.

 

Tuttavia, i vaccini "aggiornati" non saranno disponibili subito e per tutti in tempi brevi. La stessa Ema ha precisato che le "vecchie" versioni dei vaccini, Comirnaty e Spikevax, sono ancora efficaci nella prevenzione di malattie gravi, ospedalizzazione e decesso associati a Covid-19 e continueranno ad essere utilizzati nelle campagne di vaccinazione nell'Ue, in particolare per le vaccinazioni primarie.

Inoltre, alcuni "vaccini italiani" continueranno a essere donati ai Paesi che ne hanno più bisogno, tramite la collaborazione Covax e tramite accordi bilaterali siglati con altri Paesi. Ad esempio, tramite Covax, il nostro Paese ha donato già oltre 26 milioni di dosi del vaccino di Johnson & Johnson, oltre 14 milioni di vaccino AstraZeneca, quasi 2 milioni del vaccino Moderna e oltre 7 milioni di Pfizer.

Accordi bilaterali sono stati fatti con San Marino, ma anche con lo Zambia e la Tunisia. Quest'ultima, proprio di recente, ha ricevuto quasi 155mila dosi del vaccino pediatrico di Pfizer.