Genova, trombosi dopo Astrazeneca: 34enne in terapia intensiva

·1 minuto per la lettura

 Roma, 9 giu. (askanews) - E' stata sottoposta a intervento per la rimozione di alcuni trombi ed è ora in terapia intensiva la 34enne di Savona, vaccinata con Astrazeneca il 27 maggio, ricoverata ieri dopo un malore al Policlinico San Martino di Genova. L'ospedale ha comunicato che nel corso della notte la donna "è stata sottoposta a fibrinolisi di alcuni trombi presenti nella parte venosa del circolo epatico con buoni risultati". E "attualmente la paziente è ricoverata in terapia intensiva in respiro spontaneo. È in terapia anticoagulante e verrà sottoposta a precauzionali indagini angiografiche del circolo cerebrale. Permanendo la situazione di basso livello ematico di piastrine nel sangue, la paziente necessita di monitoraggio presso la Terapia Intensiva". 

 La donna è stata ieri, mentre era al lavoro, nel Tigullio, ha avvertito un forte mal di testa ed è andata all'Ospedale Policlinico San Martino. Era stata vaccinata ad Alassio il 27 maggio scorso con la prima dose di Astrazeneca. Dai primi esami fatti in pronto soccorso, è emerso subito un livello basso di piastrine nel sangue. E' stata quindi avviata la terapia per tenere sotto controllo la situazione e condotti altri esami, che hanno portato all'intervento di questa notte. 

 All'ospedale San Martino di Genova dal 5 giugno è ricoverata, in gravi condizioni, anche una ragazza di 18 anni, vaccinata il 25 maggio 2021 nella Asl di residenza con vaccino AstraZeneca, colpita da trombosi e sottoposta a intervento intervento di neuroradiologia interventistica per rimuovere meccanicamente il trombo e anche ad un intervento di neurochirurgico a causa dell'emorragia. 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli