Via libera al Dl Recovery, la soglia del subappalto sale al 50% e poi sparirà

·2 minuto per la lettura

AGI - Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto Recovery, un testo di 68 articoli  contenente le norme sulla governance del Pnrr e sulle semplificazioni,  dall'accelerazione delle procedure di Via al trattamento dei rifiuti. Nel testo finale sono state riviste le regole sul subappalto con una nuova soglia innalzata al 50% fino al 31 ottobre che poi sparirà del tutto, ma con nuove garanzie per i lavoratori e sui controlli antimafia. Dopo una lunga mediazione, il premier Mario Draghi ha trovato l'intesa con i sindacati sugli appalti, con le Regioni sulla governance e la quadra con tutti i partiti della maggioranza. Una delle novità è la riduzione dei tempi per la valutazione di impatto ambientale dei progetti del Pnrr e delle opere collegate (massimo 130 giorni) e in caso di ritardo scatteranno rimborsi. Salta l'estensione del Superbonus agli alberghi, ma arriva per gli ospedali. Scompare il bollo per i certificati digitali. Viene imposta una soglia del 30% di assunzione di giovani under 36 e donne per le aziende che vogliano accedere ai bandi del piano. L'assunzione di 350 tecnici pe

Il tetto per i subappalti

La legge fissa il tetto per i subappalti al 40% ma si è deciso di farlo diventare modulare per tenere insieme le richieste dei sindacati e la volontà di Palazzo Chigi di superare i limiti normativi, come richiesto dall'Ue, preservando la massima tutela del lavoro e della legalità. Il Consiglio dei ministri, poco prima delle otto di sera, ha dato via libera al testo che contiene le norme di semplificazione per i lavori in ottica dell'utilizzo dei 248 miliardi di Recovery plan italiano e la cabina di regia per lo stesso Pnrr.

 

Divieto di affidamento a "terzi"

Il decreto vieta l'affidamento "a terzi" della "integrale esecuzione delle prestazioni o lavorazioni oggetto del contratto di appalto" e "la prevalente esecuzione dei contratti ad alta intensità di manodopera". Al subappaltatore si impongono "gli stessi standard qualitativi e prestazionali previsti nel contratto di appalto" e ai lavoratori il riconoscimento di un "trattamento economico e normativo non inferiore a quello che avrebbe garantito il contraente principale". Nel caso in cui le due imprese svolgano la stessa attività si arriva a dire che deve essere applicato il medesimo Ccnl.

Donne e giovani

Sarà "requisito necessario" per le aziende che partecipino alle gare del Recovery plan l'obbligo di assumere una quota, non inferiore al 30%, di giovani under 36 e donne. Lo hanno precisato fonti dem del governo. Inoltre nnon si pagherà più il bollo per chiedere certificati digitali come stato di famiglia, certificato di nascita e di residenza. 

Niente Superbonus per gli alberghi

E' saltata l'estensione del Superbonus agli alberghi mentre sarà possibile per case di cura, ospedali, poliambulatori, collegi, ospizi e caserme.