'Via i vicepremier', la proposta Pd

webinfo@adnkronos.com

Ancora nessuna risposta ufficiale dai Cinque Stelle alla proposta del Pd di rinunciare allo schema dei due vicepremier. Una proposta, avanzata da Dario Franceschini e sostenuta da tutte le anime dem, a partire dal segretario Nicola Zingaretti. Che sia stato proprio Franceschini a intervenire ("cominciamo a eliminare entrambi i posti da vicepremier", ha scritto Franceschini rifacendosi tra l'altro alle parole di Beppe Grillo) è un dettaglio non irrilevante visto che proprio l'ex-ministro dei Beni culturali era il candidato in pole per il ruolo di vicepremier del Pd. Una sorta di 'passo indietro' per tentare di uscire dallo stallo sull'assetto della squadra di governo. "Un altro contributo del Pd per sbloccare la situazione e aiutare il Governo a decollare", scrive su Twitter Zingaretti. Ma dai 5 Stelle non sarebbero arrivati feedback ai dem. Nel pomeriggio, si riferisce, era circolata la voce di un post di Luigi Di Maio che però sarebbe stato fermato. Nel silenzio delle ultime ore, spiccano le parole di Gianluigi Paragone, da sempre contrario all'accordo con il Pd. "Luigi Di Maio non piace al Pd perché sta difendendo quello che di buono avevamo fatto nel precedente governo. Luigi -scrive- deve rimanere centrale. Anche a Chigi! (E lo dice uno che con Luigi ci ha fatto pure sane litigate)". E nel Pd ci si chiede se la posizione ufficiale dei Cinque Stelle sia quella espressa da Paragone. 

Intanto Zingaretti interviene anche con un video su Fb. "Lo so che è difficile ma stiamo facendo di tutto per dare a questo Paese un nuovo governo", spiega. Un governo, continua, "per riaccendere l'economia, unire il Nord e il Sud del Paese, riprendere una stagione di investimenti, far crescere il lavoro, riaprire il capitolo dell'innovazione nella scuola, l'Università, la ricerca. Cioè quello che serve all'Italia per cambiare. In pochi giorni già con le aste dei Bot abbiamo recuperato 600 milioni e c'è chi parla di miliardi se continuiamo così. E' difficile dunque ma vale la pena provarci per il bene dell'Italia". Il segretario Pd parla anche della vicenda Mare Jonio, sollecitando un intervento del governo. "La vicenda Mare Jonio conferma che in Italia sull'immigrazione bisogna cambiare tutto. Coinvolgere con autorevolezza l'Europa, unire sicurezza, legalità e umanità è possibile - conclude -. Il Governo non faccia finta di niente, stiamo parlando di esseri umani".