Viaggiare nel tempo? Per la scienza è possibile

Duccio Fumero
A dirlo sono due fisici statunitensi, Ben Tippett dell’University of British Columbia e David Tsang dell’University of Maryland.

E’ uno dei sogni impossibili che da sempre ci affascinano di più. Libri, film, serie tv sono stati scritti e create seguendo quel sogno. Impossibile. L’idea di viaggiare nel tempo è qualcosa di bellissimo, sia per chi vorrebbe tornare e cambiare gli errori commessi in passato, sia per chi vorrebbe vivere in un’altra epoca, o conoscere personaggi storici affascinanti. Impossibile. O forse no?

A dirlo sono due fisici statunitensi, Ben Tippett dell’University of British Columbia e David Tsang dell’University of Maryland, che hanno annunciato che, da un punto di vista teorico, è possibile andare avanti e indietro nel tempo. La ricerca, pubblicata sulla rivista Classical and Quantum Gravity, è stata denominata “Traversable acausal retrograde domains in spacetime” (Dominio retrogrado non casuale trasversale nello spaziotempo), il cui acronimo è “Tardis” come la celebre macchina del tempo usata dal Doctor Who. Appunto, ancora libri, film, fiction. Ma non troppo.

La base da cui parte la ricerca di Tippett e Tsang è quella che la visione tridimensionale dell’universo è sbagliata; mentre sono quattro le dimensioni, cioè lunghezza, larghezza, profondità, tempo. Quattro dimensioni che, immaginate contemporaneamente, formano un’unica entità, lo spaziotempo. Spaziotempo che, secondo la teoria di Einstein, è curvo, visto che alcuni corpi celesti dotati di grande massa sono in grado di piegare lo spaziotempo, obbligando altri corpi a ruotare intorno.

Allo stesso modo, secondo i ricercatori americani, la direzione del tempo ha una curvatura e questa curvatura è ciò che il modello matematico elaborato da Tippett e Tsang sfrutta per piegare il tempo e consentire a un ipotetico viaggiatore di muoversi al suo interno, seguendo una sorta di traiettoria circolare che permette di andare avanti e indietro. Per ora, però, questa possibilità è solo teorica, perché gli stessi ricercatori ammettono che mancano le tecnologie per forzare questo continuum temporale e spostarci nel tempo. Per ora.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità