Viaggio a Capo Verde, patria della musica fusion

L'arcipelago di Capo Verde è la patria di artisti influenti come Cesarea Evora e Ildo Lobo, che hanno ispirato molti musicisti in Brasile, Portogallo e nel resto del mondo. Ma una nuova generazione di cantanti e cantautori capoverdiani continua a dominare le classifiche musicali. A Capo Verde la musica è più di una passione, ma un modo per i giovani del Paese in via di sviluppo di guadagnarsi il pane quotidiano. Una fiera musicale internazionale nelle città di Praia e Midelo li mette in contatto con il mondo della musica internazionale.

Un sogno nel cassetto

Ade da Costa era un ragazzo come tanti sulla piccola isola di Maio. Come molti capoverdiani, voleva diventare un musicista. Ora ha una carriera professionale in Spagna.

"Quando Bana, Cesarea Evora, Ildo Lobo... hanno iniziato a calcare i palcoscenici internazionali, a farsi un nome e a portare il nome di Capo Verde oltre i nostri confini, tutti i capoverdiani - uomini e donne - hanno voluto in qualche modo diventare cantanti e raccontare le nostre storie, perché siamo isolani. È il nostro modo di entrare in contatto con il mondo", racconta.

A Capo Verde la musica è più di una passione: è anche un modo per guadagnarsi da vivere. Si pensa che il 25% dei posti di lavoro nell'arcipelago sia legato alla musica e alle arti dello spettacolo. L'Atlantic Music Expo li mette in contatto con i mercati internazionali.

Trampolino di lancio

Nella località di Praia, le etichette discografiche e i produttori di tutto il mondo sono alla ricerca del prossimo artista che scalerà le classifiche musicali internazionali.

Augusto Veiga è direttore generale dell'Atlantic Music Expo.

"L'Atlantic Music Expo è di grande importanza per i musicisti capoverdiani, ma anche per i produttori, per tutta l'industria musicale di Capo Verde - spiega - È il loro punto di contatto con la musica internazionale, ma anche il loro trampolino di lancio verso quel mondo".

Come hanno fatto per decenni, i musicisti capoverdiani continuano a influenzare e ispirare il mondo. Gli artisti contaminano le loro esperienze di membri della diaspora con le loro radici capoverdiane.

Contaminazione musicale

June Freedom è musicista e cantautore.

"La mia traiettoria musicale è più legata all'influenza afrobeat perché vivo negli Stati Uniti e ascolto la world music in generale, ma credo che la mia missione sia quella di campionare il più possibile e di usare la musica tradizionale, ma con un tocco moderno", spiega.

Si dice che la musica sia la principale fonte di esportazione di Capo Verde, superiore persino alla pesca. Ma quando gli artisti fanno carriera all'estero, la sfida è quella di poter trarre beneficio dal loro talento. La Società musicale di Cabo Verde lotta per mantenere i diritti di proprietà nelle isole.

Solange Cesarovna, cantante, è la presidente della Società musicale di Cabo Verde.

"È giusto che perseguano una carriera internazionale, ma anche che tornino a casa. Non dobbiamo necessariamente emigrare; possiamo continuare a risiedere nel nostro Paese".

All'estero o in patria, i capoverdiani non smetteranno mai di suonare, perché la musica fa parte della loro anima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli