Viaggio a sospresa di Ratzinger, coabitazione "sospesa" col Papa

Ska

Citt del Vaticano, 18 giu. (askanews) - Prevedibilmente durer solo pochi giorni ma il viaggio a sorpresa di Benedetto XVI nella sua Baviera, per assistere l'anziano fratello gravemente malato, materializza nella storia moderna del Papato una variabile sinora imprevista, ossia che il Papa regnante e l'emerito, protagonisti sin qui di una coabitazione ravvicinata non priva di complicazioni, sia invece sciolta, anche spazialmente, lasciando a Roma un solo uomo vestito di bianco.

Quando Benedetto XVI si dimise, nel 2013, sconvolgendo buona parte del Vaticano, nonch chi lavorava sottotraccia alla sua successione, si pose subito la questione di dove avrebbe vissuto. Nell'odierna epoca, segnata dall'onnipresenza delle comunicazioni e da non poche minacce alla sicurezza, l'idea di un ritorno di Joseph Ratzinger in Baviera, o il suo trasloco in altro luogo lontano da Roma, suono subito come un incubo a molti cardinali e monsignori. Alla fine si opt per lo stesso Vaticano, ma non fu una scelta scontata. Prese corpo, tra l'altro, il fantasma del passato remoto, quando le lotte attorno alla Sede apostolica portarono alla cattivit avignonese, alla compresenza di due o addirittura tre Papi, a epoche laceranti. Fantasmi che difficilmente si sarebbero riproposti, e infatti non lo hanno fatto, ma cosa sarebbe successo se il successore del Papa tedesco fosse stato molto diverso dal suo predecessore? Una dislocazione geografica avrebbe teso ulteriormente un dualismo gi potenzialmente destabilizzante. Fu eletto l'arcivescovo di Buenos Aires, effettivamente molto diverso da Joseph Ratzinger, e, dopo un periodo di decantamento a Castel Gandolfo, quest'ultimo rientr in Vaticano, dove da allora risiede nel ristrutturato monastero Mater Ecclesiae, a poche centinaia di metri da Francesco.

Gli otto anni di coabitazione sono stati inediti. Segnati tanto dalla cordialit personale tra i due uomini, quanto dalle diversit, e tensioni, tra le loro divergenti idee di Chiesa, di societ, di politica, tra i loro entourage, tra i loro pronunciamenti. Benedetto XVI, infatti, non rimasto in silenzio, e con numerosi scritti, messaggi, pubblicazioni ha spesso marcato, ancorch cortesemente, distanze di sostanza dal riformismo bergogliano.

Benedetto XVI, una salute malferma ma complessivamente buona per i suoi 93 anni, rimasto in Vaticano. Le cronache hanno riportato qualche rara visita all'esterno delle Mura Leonine (l'anno scorso, a sorpresa, una "scampagnata" a Frascati dal vescovo locale suo amico).

Ora il fratello maggiore di Joseph Ratzinger, monsignor Georg, 96 anni, a cui il Papa emerito da sempre molto legato, "gravemente malato" ("morente", scrive Mittelbayerische). Prevedibilmente solo per pochi giorni, i due Papi saranno, per la prima volta nella storia moderna, distanti, non per un viaggio apostolico del Pontefice regnante. Dai comunicati della conferenza episcopale tedesca e della diocesi di Ratisbona (Regensburg), dove si trovano ora i fratelli Ratzinger, traspare la preoccupazione che la presenza del Papa emerito nel seminario locale attiri pellegrini e curiosi. "Auguro dal cuore al Papa emerito Benedetto XVI un buon soggiorno in Germania e la necessaria tranquillit per occuparsi privatamente del fratello. Le mie preghiere accompagneranno il soggiorno del Papa e il cammino del fratello Georg", scrive il presidente della conferenza episcopale mons. Georg Baetzing. La diocesi "prega il pubblico di lasciare l'incontro profondamente personale" tra il Papa emerito Benedetto XVI, tornato in Baviera oggi, e il fratello Georg, gravemente malato, "nella sua sfera privata. E' un desiderio sincero dei due anziani fratelli e non sono previste n foto, n uscite pubbliche, n tantomento incontri. Si prega di avere comprensione per questo desiderio".

Quel che certo che Benedetto XVI atterrato alle 11.45 questa mattina all'aeroporto di Monaco di Baviera per poi recarsi a Regensburg per assistere il fratello gravemente malato. Il vescovo di Regensburg Rudolf Voderholzer ha accolto Joseph Ratzinger all'aeroporto e lo ha poi accompagnato a Regesnburg. Secondo la Bild il viaggio sarebbe avvenuto in ambulanza. Benedetto XVI, 93 anni, accompagnato dal segretario particolare, Georg Gaenswein, dal suo medico, dal suo infermiere e da una delle "memores Domini" che assiste il Papa emerito in Vaticano. Il Papa emerito pernotter nel seminario della diocesi di Regensburg. Il viaggio, si legge nella nota, stato deciso "in tempi brevi" ed " forse l'ultima volta che i due fratelli, Georg e Joseph Ratzinger, si vedono in questo mondo". Il Papa emerito, ha riferito il direttore della Sala Stampa vaticana Matteo Bruni, trascorrer a Regensburg "il tempo necessario".

La data del ritorno in Vaticano di Benedetto XVI in Baviera "non stata ancora decisa", ha riecheggiato da parte sua la diocesi di Regensburg. Che puntualizza che il Papa emerito Benedetto XVI ha deciso di tornare in Baviera, per assistere il fratello Georg gavemente malato, "dopo che si consultato con Papa Francesco". Distanti ma sempre legati.