Viaggio tra i manga, a Bangkok mostra con 50 personaggi “uccisi”

·1 minuto per la lettura
featured 1425936
featured 1425936

Roma, 10 lug. (askanews) – Desiderosa di esplorare l’impatto sul pubblico dei personaggi degli anime che sono stati uccisi nelle loro stesse serie, Jinnipha Nivasabut, amante dei manga e appassionata di cultura pop giapponese, ha dipinto a mano 50 ritratti dei suoi personaggi preferiti morti dalla serie di manga molto popolari come Naruto, Demon Slayer, Kimetsu no Yaiba.

I ritratti dipinti a olio hanno attirato l’attenzione di un curatore, Watjanasin Charuwattanakitti, altro amante dei manga, che ha commissionato le opere di Jinnipha e ha lanciato una mostra intitolata “2D Afterlife”. Qui gli amanti dell’arte e i fan dei manga possono venire a piangere la perdita dei loro personaggi preferiti e rendere omaggio ai loro amati eroi e cattivi, con un tocco di rituale funebre thailandese.

L’autrice Jinnipha: “L’idea centrale della mostra d’arte 2D Afterlife è quella di esplorare il concetto delle ragioni per cui la morte di questi personaggi di fantasia possa avere un tale impatto sulle persone reali e su cosa possiamo imparare da loro. Per esempio, certi eventi che non incontriamo normalmente nella nostra vita quotidiana, ma che questi personaggi incontrano, potrebbero insegnarci e trasmetterci le esperienze che hanno vissuto”.

Il curatore della mostra Watjanasin Charuwattanakitti: “La cultura pop giapponese è diventata la nostra vita. Siamo cresciuti con lei e ha un impatto su tutto ciò che facciamo ora… e penso che possiamo imparare, possiamo fare esperienza anche dagli anime”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli