Viaggio in Uzbekistan: cosa vedere, le tappe imperdibili

Viaggio in Uzbekistan cosa vedere

Scopri cosa vedere durante un viaggio in Uzbekistan, tra i luoghi più incredibili dell’Asia Centrale. La guida alle attrazioni e ai monumenti storici da non perdere.

Viaggio in Uzbekistan: cosa vedere

La Repubblica dell’Uzbekistan è uno Stato Indipendente dell’Asia Centrale. Il periodo migliore per visitare l’Uzbekistan va da Aprile a Novembre. Nella stagione più calda, che qui va da maggio a ottobre, le temperature superano facilmente i 30 gradi, sfiorando anche i 45 gradi a luglio ed agosto.

Un viaggio in Uzbekistan, però, deve essere ben organizzato, in modo tale non non perdervi i luoghi più interessanti del paese.

Abbiamo selezionato, perciò, alcuni dei luoghi più belli da visitare. Partiamo subito.

Uzbekistan

Chorsu Bazaar

Il Chorsu Bazaar è il luogo perfetto per iniziare il vostro viaggio, per entrare a contatto con la calda ospitalità di un popolo sempre accogliente e lasciarvi tentare da assaggi esotici. Un luogo molto particolare, ricco di colori, profumi, spezie, e di vita.

Alisher Navoi National Park

L’Alisher Navoi National Park è un parco nazionale dedicato alle vittime della Repressione durante gli anni del dominio sovietico. Un luogo perfetto per una passeggiata dopo un piatto di Plov, magari prima di salire sulla Torre della TV, ma anche per conoscere la storia di questo popolo.

Rēgistan

Piazza del Registan, il cuore dell’antica città di Samarcanda della dinastia Timuride, sorge su un terreno fangoso, a cui deve il nome. Questo fu, in passato, teatro di esecuzioni pubbliche e resta uno dei luoghi più mitici della storia del Paese.

Gur-e-Amir

Il mausoleo di Tamerlano è il mausoleo del conquistatore mongolo Timur, meglio conosciuto in occidente come Tamerlano. Il mausoleo si trova nella città di Samarcanda. “Gūr-i Amīr”, infatti, significa letteralmente “tomba del re” e questo luogo venerato ancora da tanti custodisce appunto la tomba con le spoglie del grande Re Tamerlano. Il Mausoleo, anche questo restaurato, rappresenta uno dei più significativi edifici in stile azero di tutta la regione.

Shah-i-Zinda
Uno dei luoghi che mi sono piaciuti di più a Samarcanda è il complesso di mausolei Shah-i-Zinda, da raggiungere con una breve corsa in taxi dal centro della città. Qui troverebbero posto le tombe di reali e vari familiari del Re Timur e, si pensa, anche le spoglie di un cugino del profeta Maometto (oltre all’ex presidente Uzbeko Islam Karimov, scomparso di recente). In tutto, oltre 40 edifici di architettura islamica realizzati in quasi un millennio, dall’XI al XIX secolo.

Bibi-Khanym Mosque

La moschea Bibi-Khanym Mosque è uno dei più importanti monumenti di Samarcanda. Nel XV secolo è stata una delle più grandi e più belle moschee del mondo islamico. Fortemente voluta dal Re Timur nel XV secolo, la costruzione della grande Moschea Bibi-Khanym non vide mai luce. Questo almeno fino all’epoca sovietica, quando un grande progetto di restauro e conservazione fu avviato. Oggi, la Moschea spicca con le sue monumentali dimensioni e rappresenta una delle attrazioni di Samarcanda da non perdere.