Video hot su schermo negozio, l'azienda: "Colpa degli hacker"

webinfo@adnkronos.com

Filmati hot sugli schermi di un negozio Asics. L'incredibile vicenda ad Auckland in Nuova Zelanda. "Colpa di un attacco hacker" ha scritto in un post su Facebook la multinazionale di articoli sportivi, scusandosi con i clienti per l'accaduto. "Abbiamo già contattato i nostri fornitori di software e sicurezza on line per evitare che quanto accaduto si ripeta".