Aleppo: le truppe di Assad lanciano una nuova offensiva contro i quartieri ribelli

Euronews

Ad Aleppo, nel nord della Siria, le truppe di Assad hanno lanciato giovedì sera una nuova offensiva contro i quartieri nella parte orientale della città controllati dai ribelli. Gli attivisti vicini all’opposizione denunciano l’uso di “bombe al fosforo”. Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, la battaglia per il controllo di Aleppo è la più importante.

Un nuovo incontro tra Usa e Russia è previsto a New York per cercare di rilanciare l’ipotesi di una tregua in Siria: “Continueremo a lavorare per ristabilire una tregua”, ha detto Sergueï Lavrov, capo della diplomazia russa. “Alcuni nostri colleghi pensano che il governo siriano debba prendere delle decisioni in modo unilaterale, ma noi insistiamo, insieme ad altri, nel dire che l’opposizione debba prendere allo stesso modo prendere delle decisioni necessarie”.

“Non possiamo essere i soli a cercare di tenere questa porta aperta”, ha detto il suo omologo americano John Kerry. “La Russia e il governo siriano devono fare la loro parte o non ci sarà alcuna possibilità. Il punto è ora sapere se resta una possibilità reale per avanzare, perché è ormai chiaro che non possiamo andare avanti cosi ancora per molto tempo”.

Le Nazioni unite hanno, intanto, ripreso le operazioni umanitarie. Lo stop era stato deciso dopo un bombardamento aereo su un convoglio che martedì sera nei pressi di Aleppo aveva ucciso 21 operatori.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità