Fantasmi del fascismo a Predappio per i 90 anni da marcia su Roma

TmNews

Predappio (TMNews) - A volte ritornano, verrebbe da dire. In occasione del 90esimo anniversario della Marcia su Roma, che segnò l'ascesa al potere del partito nazionale fascista e di Benito Mussolini, i nostalgici del Ventennio si sono ritrovati a Predappio, in Emilia Romagna, luogo di nascita e sepoltura del Duce, per ricodarlo. Con loro "Don" Giulio Maria Tam, lefebvriano che ha scelto la tonaca ma accanto al segno della croce non disdegna il saluto romano. Don Giulio ha letto il rosario per i camerati prima di lanciarsi in una sonora invettiva contro l'Islam e la politica italiana.

Una visita alla villa in cui è nato il duce a Carpena, una foto ricordo nelle stanze di donna Rachele, il corteo con tricolori e simboli fascisti. Il tutto condito da una buona dose di fez, camice nere e saluti romani. Tanto folklore insomma per la celebrazione, che molti partecipanti non considerano solo una commemorazione.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità