Francia: primo dibattito TV, via alle primarie socialiste

Con le primarie della sinistra si sta per definire il quadro delle candidature alle presidenziali del 23 aprile in Francia: sette i candidati che hanno preso parte al primo di tre dibattiti televisivi. Si vota il 22 gennaio.

Dato per favorito finora è Manuel Valls, l’ex Primo Ministro, che fatica però a convincere. Il principale sfidante in queste primarie sembra essere Arnaud de Montebourg, ex Ministro dell’Economia. I due sembrano destinati al ballottaggio in campo socialista, mentre Emmanuel Macron, a sua volta ex Ministro dell’Economia nel governo Hollande, si è presentato da indipendente, senza quindi passare dalle primarie socialiste.

È considerato uno dei candidati di maggior peso alla presidenza, anche se al momento i sondaggi tendono ad escludere i candidati di sinistra da un ballottaggio che vedrebbe Marine Le Pen, la leader del Front National, sfidare al secondo turno François Fillon, ex Primo Ministro sotto Sarkozy e vincitore delle primarie dei Repubblicani, un paio di mesi fa. Una sfida destra-estrema destra, ma le sorprese sono sempre possibili. Una quindicina i candidati dichiarati, al momento, in un ventaglio che va da dagli ecologisti ai comunisti fino agli indipendenti di destra e all’alternativa d’estrema destra, passando per almeno un paio di candidati frutto di iniziative cittadine.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità