Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità

Genova, percepivano pensione genitori morti: truffa da 232 mln

17 ottobre 2012

Roma, (TMNews) - Percepivano le pensioni dei propri familiari, ma erano morti rispettivamente da 22 e da 14 anni. La Guardia di Finanza di Genova ha scoperto due truffe e inchiodato due persone che continuavano a prendere le pensioni dei rispettivi genitori ormai morti. I sospetti delle Fiamme Gialle sono sorti guardando la data di nascita dei pensionati defunti, una risalente al 1910 e l'altra al 1919, dalle quali si poteva desumere un'età di 102 e di 93 anni. Nel primo caso, la persona intestataria della pensione, una donna, era emigrata all'estero, insieme al figlio, nel 1988. Quest'ultimo, nel 2008, aveva presentato un'attestazione di esistenza in vita della madre, incassando sul proprio conto corrente estero la pensione della madre. Ma le Fiamme Gialle, grazie alla collaborazione della polizia estera, hanno trovato conferma ai propri sospetti: l'ultracentenaria signora, infatti, era deceduta nel 1990, all'età di 80 anni. Il figlio aveva incassato così la pensione per oltre 22 anni, truffando lo Stato per un importo superiore a 150mila euro. Nel secondo caso, invece, è stato accertato che una donna genovese, di 65 anni, continuava a percepire, senza averne diritto, la pensione della madre deceduta nel 1998, comprensiva dell'"indennità di reversibilità" del marito, anche questo scomparso, da oltre 40 anni. Le pensioni indebitamente percepite ammontavano, in questo caso, a 82mila euro.