Irlanda del nord: si dimette vicepremier, cade il governo

Crisi di governo in Irlanda del nord. Si è dimesso il vicepremier Martin McGuinness.

Va in pezzi la coalizione di unità nazionale che sostiene l’esecutivo locale fin dagli storici accordi di pace del Venerdì Santo.

Martin McGuinness, capo delegazione dei repubblicani dello Sinn Fein, lo ha annunciato in polemica con la premier Arlene Foster, esponente unionista del Dup, travolta da sospetti di malversazione.

McGuinness avrebbe scaricato Foster ritenendo la sua posizione in conflitto d’interessi rispetto alle indagini che la coinvolgono. La premier è sospettata d’aver avuto un ruolo nel suo precedente incarico di ministro delle Finanze dell’Ulster nell’ideazione di un meccanismo che pare abbia permesso di distribuire finanziamenti pubblici gonfiati a diverse aziende locali nell’ambito dell’uso di fonti energetiche rinnovabili.

Secondo le regole condivise fra unionisti e nazionalisti, se premier o vicepremier del governo di coalizione lasciano, l’esecutivo cade.

La lettera di dimissioni

M_McGuinness_SF letter page 1 pic.twitter.com/z1vlUgR0tF— Mark Devenport (markdevenport) 9 janvier 2017

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità