Israele: odio contro i giudici che hanno condannato il soldato israeliano per l’omicidio di un palestinese

La polizia israeliana ha arrestato due persone accusate di incitamento alla violenza contro i tre giudici del tribunale militare che hanno riconosciuto il soldato israeliano Azaria colpevole dell’ omicidio del palestinese Abdul Fatah al Sharif che ferì con un coltello un suo commilitone. I due, una 22enne e un 54enne, ora sono ai domiciliari.

Lei aveva twittato ‘ci vorrebbe una granata per fare il giudice a pezzi e darli in pasto ai cani’. Contro la stessa giudice donna l’uomo aveva scritto ‘Maya Heller non arriverá a fine anno’.

Il suo avvocato Gavriel Tronishvili lo difende:

“Si tratta di un uomo che ha pubblicato un post, fatto un errore, compreso questo lo ha rimosso di sua iniziativa. Non è pericoloso. Ha capito lo sbaglio e l’ha immediatamente ammesso. Questo è tutto”.

Il processo al soldato israeliano ha fortemente diviso il Paese: durante le udienze in centinaia hanno manifestato in suo sostegno mentre altri, anche tra i militari, lo hanno biasimato dato che l’assalitore palestinese era già a terra immobile mentre veniva ucciso. Proprio con questa motivazione i giudici militari hanno optato per la condanna in primo grado. Giudizio a cui in rete è seguita un’onda di odio, contati almeno 8mila post di minacce in 24 ore.

(Clicca qui per leggere Netanyahu chiede la grazia per il militare

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità