Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità

Italia terra di migranti, ma ora il fenomeno è europeo

2 novembre 2012

Napoli, (TMNews) - Italia terra di migranti, un destino che prima si compiva salendo sui bastimenti per l'America e sui treni per il Belgio carichi di minatori e contadini e ora invece usa gli aerei low cost, affollati di laureati in cerca di futuro. Marco Martiniello, studioso delle migrazioni all'Università di Liegi, a Napoli per un convegno sul tema all'università Suor Orsola Benincasa, vede nel passaggio dai migranti di inizio 900 ai cervelli in fuga, l'allargarsi di un fenomeno che ora non riguarda più una nazione sola, ma l'Europa intera. "Se guardiamo l'Italia, la Spagna, la Grecia, penso che l'Europa sia di fronte ad una nuova emigrazione". L'Italia resta uno dei Paesi in cui il fenomeno è più forte, le comunità di italiani all'estero sono nutrite e sentono spesso un forte il legame con la terra che hanno lasciato, anche senza alcun appoggio culturale. "I giovani della terza regione che tifano italia agli europei non parla italiano e non conosce l'italia".