Legge di stabilità, Toti: aumenta deficit e non crea investimenti

Askanews

Roma, (askanews) - "È una legge di stabilità che aumenta il deficit e, com'è noto, il deficit è il debito futuro che pagheranno i nostri figli e i nostri nipoti. Io non sono mai stato particolarmente affezionato al patto di stabilità e ai numeri europei, però quando si produce debito e si fa deficit normalmente bisognerebbe creare investimenti importanti per il futuro, cosa che questa finanziaria non mi pare faccia".

Così il governatore della Liguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti, a margine della seduta di Consiglio regionale. "Questa finanziaria - ha proseguito il governatore ligure - mi pare più orientata a ottenere consenso politico oggi, che non a creare un percorso di sviluppo per il Paese. Renzi come al solito con una mano dà e una mano toglie. Da un lato ci sono ancora pesanti tagli agli enti locali che sono quelli che erogano i servizi alla popolazione, dall'altro c'è qualche mancia qua e là, che gli 80 euro dimostrano non funzionare per far ripartire il mercato interno: non c'è una vera politica di investimenti".

Per Toti uno degli elementi positivi contenuti nella nuova legge di bilancio è l'abolizione di Equitalia; "ma - ha aggiunto - vedremo se verrà abolita o semplicemente cambierà nome. Non mi sembra però che sia una legge votata allo sviluppo del Paese, d'altra parte sono due anni che il governo Renzi sbaglia tutte le previsioni di crescita, tutte le previsioni di deficit, tutte le previsioni di debito. Il debito e le tasse - ha concluso - sono cresciuti da quando c'è questo governo e il giochino delle tre carte o dei tre bussolotti con il fagiolo sotto non credo che convincerà più gli italiani".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità