Libia, l'ambasciatore Stevens morto intossicato dal fumo - scheda

TmNews

Bengasi (TMNews) - Ecco in queste immagini di repertorio l'ambasciatore degli Stati Uniti in Libia, Chris Stevens.

Stevens sarebbe morto intossicato a seguito dell'inalazione dei fumi provocati dall'incendio divampato al consolato statunitense di Bengasi, dopo l'attacco avvenuto nella notte dell'11 settembre.

Stevens era stato nominato massimo responsabile della diplomazia statunitense in Libia dopo essere stato, durante la guerra civile libica, il rappresentante di Washington presso il Consiglio nazionale di transizione, l'autorità politica che coordinava le forze ribelli al regime di Gheddafi con l'obiettivo di proseguire la lotta fino alla liberazione della Libia per poi organizzare le elezioni en redigere una nuova costituzione.

L'ambasciatore aveva alle spalle diversi incarichi diplomatici in Medioriente e nell'Africa settentrionale e parlava correntemente l'arabo, oltre al francese, la lingua franca delle regioni maghrebine.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità