A Malta primo vertice Europa-Maghreb dopo primavere arabe

5 ottobre 2012

La Valletta (TMNews) - I capi di Stato e di governo dei 5 paesi europei della sponda nord del Mediterraneo, Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Malta, sono riuniti alla Valletta insieme ai leader di Algeria, Libia, Marocco, Mauritania e Tunisia per un summit che intende mettere a fuoco il nuovo Maghreb post "primavera araba".

Quello maltese sarà il secondo summit di questo forum, lanciato a Roma nel 1990.

Il primo ministro maltese Lawrence Gonzi, ha introdotto i lavori con una dichiarazione programmatica

"Il Mediterraneo non è una frontiera che ci divide ma un ponte che ci unisce tutti".

Si tratta della prima riunione dalla caduta del presidente tunisino Ben Ali e del colonnello libico Gheddafi. Anche per questo il summit assume un significato politico particolare, come il solo forum regionale capace di riunire i membri dell'Unione araba del Maghreb e i loro vicini europei del Mediterraneo. E saranno molti gli argomenti in discussione: la sicurezza, la difesa, il contrasto all'immigrazione clandestina, il dialogo politico, le possibili nuove forme di cooperazione in settori come l'istruzione, l'ambiente e l'energia.

La natura informale della riunione permetterà una discussione franca tra i partecipanti e potrebbe consentire di affrontare, a margine dei colloqui, anche temi di stretta attualità come la crisi economica in Europa e le sue conseguenze a livello internazionale. Il summit culminerà con l'adozione di una Dichiarazione comune, seguita da una conferenza stampa a fine lavori.

(Immagini Afp)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità