Maltempo: freddo-record, nei Balcani mai così dal 1963

Dai Balcani alla Scozia, il maltempo investe l’Europa: da giorni Albania, Grecia, Romania, Bulgaria, Croazia, così come l’Italia e la Polonia subiscono un clima estremamente rigido, che ha causato finora più di settanta morti nel continente, otto solo in Italia, oltre 50 in Polonia, 15 morti assiderati solo nell’ultima settimana nei Balcani, che vivono l’inverno più freddo dell’ultimo cinquantennio.

In Albania, così come nell’Italia centro-meridionale, la scorsa settimana la neve e il freddo hanno colpito anche le zone costiere. Scuole chiuse o senza riscaldamento, traffico in tilt ed emergenza senzatetto riguardano anche la Croazia. Dubrovnik, abituata a inverni piuttosto miti, è coperta da una coltre di neve, con temperature artiche.

È caos anche nel Regno Unito, dove nottetempo una tempesta di neve, pioggia e vento forte ha colpito la Scozia prima e poi il resto del Paese. Voli cancellati, scuole chiuse, pendolari in crisi sulle strade. E ora si temono inondazioni per le prossime ore.

Traffico in tilt anche in Germania, così come in Svizzera e nel Nord-Italia, con molte strade ghiacciate. Previsto anche in Francia un brusco calo delle temperature nei prossimi giorni, e già la scorsa notte il Paese era stato colpito da un forte vento che ha lasciato senza elettricità circa 300.000 case nel Nord. Bloccato per tutta la notte anche un treno ad alta velocità tra Parigi e Bruxelles. Molto freddo e dieci ore di ritardo, per i 180 passeggeri.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità