Uragano Sandy: Obama rientra d'urgenza a Washington

29 ottobre 2012

L’uragano Sandy sta per colpire, con una violenza eccezionale, una delle aree più densamente popolate degli Stati Uniti.

A pochi giorni dalle elezioni Barack Obama sveste i panni del candidato democratico: annullati i suoi appuntamenti elettorali, è rientrato d’urgenza a Washington per monitorare la situazione.

Da qui ha rivolto un messaggio agli americani: “Possiamo dire, in base alla natura della tempesta, che sarà un processo lungo e che coinvolgerà una larga parte del Paese”, ha detto, “Milioni di persone verranno colpite. Il messaggio più importante che ora voglio dare alla gente è: per favore, date ascolto a ciò che le autorità nazionali e locali vi stanno dicendo. Quando vi dicono di lasciare le vostre case bisogna farlo”.

L’immagine è quella di un presidente che ha sotto controllo la situazione. Agli occhi del suo rivale repubblicano Mitt Romney, l’uragano Sandy potrebbe fornire un assist inaspettato ad Obama per la riconferma alla Casa Bianca.

“Vorrei dire che stiamo pensando di fare una donazione alla Croce Rossa o ad altri enti di soccorso, per dare una mano a chi è in pericolo”, ha dichiarato Romney in Ohio.

Anche il candidato repubblicano ha preferito annullare alcuni impegni elettorali.

In queste ore la politica è in secondo piano. Migliaia di americani si preparano a fronteggiare gli effetti devastanti di Sandy, “la mostruosa tempesta”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità