Yemen: tregua di 72 ore, ma la gente non ci crede

Euronews

Disillusione. È questa la reazione degli yemeniti della capitale Sanaa all’annuncio della tregua di tre giorni. Chiedono invece una tregua indefinita.

Il cessate-il fuoco dovrebbe iniziare questo mercoledì notte secondo quanto detto dalle parti in conflitto.

Finora nel conflitto tra la coalizione guidata dall’Arabia Saudita ed i miliziani sciiti Houthi appoggiati dall’Iran circa 10.000 sono state le vittime, inclusi 3800 civili secondo le Nazioni Unite. Ma gli yemeniti non ci credono e chiedono una cosa sola: “Tregua? Vogliamo che finisca la guerra. Non vogliamo una tregua. Vogliamo che finisca la guerra”

La tregua riprende le condizioni di quella temporanea di aprile.

Dice un cittadino: “Parlano di tregua, ma poi ricominciano a bombardare. Distruggono le nostre case, uccidono i nostri figli. Hanno bombardato un funerale e un matrimonio e poi moschee e scuole. Hanno distrutto tutto, le infrastrutture, ma chi ha proposto questa tregua? Chi l’accetterà?”

La tregua è stata firmata anche per permettere l’arrivo degli aiuti umanitari alla popolazione civile e per alleviare una situazione tragica: già prima dell’inizio della guerra, lo Yemen era il Paese più povero di tutto il mondo arabo. La guerra non ha fatto che peggiorare la situazione.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità