Viene dalla Norvegia il formaggio che aiuta le ossa

no credit

AGI –  La speranza di consumare formaggio per chi ha ossa fragili arriva dalla Norveglia.  Una piccola porzione giornaliera di formaggio del marchio Jarlsberg può aiutare a prevenire il diradamento osseo causato da osteopenia e osteoporosi, senza aumentare il colesterolo cattivo.

A suggerirlo, i risultati di un piccolo studio clinico comparativo, pubblicato sulla rivista ad accesso aperto BMJ Nutrition Prevention & Salute. Questi effetti benefici, indica la ricerca, sembrano essere specifici di questo tipo di formaggio  dolce e semi-morbido, dal sapore di nocciola, prodotto con latte vaccino, con occhiatura regolare che proviene dalla città di Jarlsberg, nella Norvegia orientale.

Ricerche precedenti indicavano che può aiutare ad aumentare i livelli di osteocalcina, un ormone associato a ossa e denti forti, ma non era chiaro se questo effetto sia specifico dello Jarlsberg o di qualsiasi tipo di formaggio. Nel tentativo di scoprirlo, i ricercatori hanno costruito un campione con 66 donne sane (età media 33; BMI medio di 24) alle quali è stato assegnato in modo casuale di aggiungere una porzione giornaliera di 57 grammi di Jarlsberg o 50 grammi di formaggio Camembert  alla loro dieta per 6 settimane. Alla fine di questo periodo, il gruppo che mangiava il camembert è stato spostato al formaggio Jarlsberg per altre sei settimane.

Lo Jarlsberg e il Camembert hanno contenuti simili di grassi e proteine, ma a differenza del Camembert, il formaggio norvegese è ricco di vitamina K2, nota anche come menachinone (MK), di cui esistono diverse varietà. MK-4 a catena corta si trova in prodotti animali come il fegato. Gli MK-7, MK-8, MK-9 e MK-9(4H) a catena lunga provengono da batteri e si trovano in alcuni alimenti fermentati, come il formaggio, e lo Jarlsberg è particolarmente ricco sia di MK-9 che di MK-9(4H).

Ogni sei settimane sono stati prelevati campioni di sangue alle partecipanti allo studio per verificare la presenza di proteine ​​chiave, osteocalcina e un peptide (PINP) coinvolti nel turnover osseo, e sono stati misurati anche i livelli di vitamina K2 e grasso nel sangue. Le analisi hanno mostrato che i principali marcatori biochimici del turnover osseo, inclusa l'osteocalcina e la vitamina K2, sono aumentati in modo significativo dopo 6 settimane nel gruppo di chi consumava Jarlsberg; tra quelli del gruppo Camembert, i livelli di PINP sono rimasti invariati mentre quelli degli altri marcatori biochimici sono leggermente diminuiti, aumentando però in modo significativo dopo il passaggio allo Jarlsberg, e anche i livelli di PINP sono aumentati. I grassi nel sangue sono leggermente aumentati in entrambi i gruppi dopo 6 settimane.

Ma i livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL (dannoso) sono diminuiti significativamente nel gruppo Camembert dopo il passaggio a Jarlsberg. L'emoglobina glicata (HbA1c) – la quantità di glucosio bloccata nei globuli rossi – è diminuita significativamente (del 3%) nel gruppo Jarlsberg, mentre è aumentata bruscamente (del 2%) in quelli che mangiavano Camembert; tuttavia, dopo il passaggio allo Jarlsberg, anche l'HbA1c è scesa in modo significativo in questo gruppo. Calcio e magnesio sono diminuiti significativamente nel gruppo Jarlsberg ma sono rimasti invariati nel gruppo Camembert. Dopo aver cambiato formaggio, anche in questo gruppo i livelli di calcio sono diminuiti, probabilmente riflettendo un maggiore assorbimento di questi minerali chiave nella formazione delle ossa, affermano i ricercatori.

“Il consumo quotidiano di formaggio Jarlsberg ha un effetto positivo sull'osteocalcina, emoglobina glicata e lipidi”, scrivono i ricercatori, concludendo che gli effetti sono specifici di questo formaggio. I batteri in Jarlsberg che producono MK-9-(4H) producono anche una sostanza chiamata DHNA, che, secondo studi sperimentali, potrebbe combattere l'assottigliamento osseo e aumentare la formazione di tessuto osseo, e forse spiegare l'aumento dell'osteocalcina, aggiungono.

La ricerca suggerisce che il formaggio Jarlsberg potrebbe quindi aiutare a prevenire l'osteopenia, la fase prima dell'osteoporosi, così come le malattie metaboliche, come il diabete, anche se sarebbero necessarie ulteriori ricerche per confermarlo, sottolineano gli esperti.

“Questo studio mostra che mentre il calcio e la vitamina D sono noti per essere estremamente importanti per la salute delle ossa, ci sono altri fattori chiave in gioco, come la vitamina K2, che forse non è così nota”, avverte Sumantra Ray, direttore esecutivo, NNEdPro Global Center for Nutrition and Health, co-proprietario della rivista.

Lo studio evidenzia anche un importante problema di ricerca che cioè “diversi metodi di preparazione significano che ci sono differenze chiave nella composizione nutritiva del formaggio, che è stato spesso considerato un alimento omogeneo nella ricerca dietetica fino ad oggi. Questo deve essere affrontato in studi futuri”.

“Poiché si tratta di un piccolo studio su persone giovani e sane progettato per esplorare nuovi percorsi che collegano dieta e salute delle ossa, i risultati devono essere interpretati con grande cautela poiché i partecipanti allo studio non saranno necessariamente rappresentativi di altri gruppi. E non dovrebbe essere preso come una raccomandazione per mangiare un particolare tipo di formaggio”, conclude l'esperto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli