"Vietare corso Garibaldi ai cani", proposta Mastella scatena il web

webinfo@adnkronos.com

Sta sollevando numerose reazioni il post pubblicato questa mattina dal sindaco di Benevento, Clemente Mastella, riguardo ai cani e ai padroni che non raccolgono le loro deiezioni. Il primo cittadino, questa mattina, ha annunciato su Facebook che, qualora il senso civico di tanti non dovesse prevalere, valuterà la possibilità di vietare l'accesso al corso Garibaldi, il corso principale della città, ai quattro zampe. "Devo ammettere che in tutta la città i marciapiedi sono minati - scrive Loredana, lo trovo incivile e maleducato, senza ombra di dubbio. Ma se la soluzione ai problemi della pulizia della città è di vietare accessi a strade pubbliche, vorrei che si limitasse anche l'accesso a chi consuma per strada alimenti e altro e poi getta ovunque i rifiuti, a chi non differenzia la spazzatura. Non sarebbe meglio incentivare iniziative che educhino, invece?". 

 

 

C'è chi invece chiede al sindaco più cestini per i rifiuti, come Lina e Anna: "Condivido il richiamo - commenta la prima ma non la scelta di chiudere eventualmente il corso ai cani. Sono una delle poche persone che raccolgono le deiezioni ma in molte strade non ho dove buttarle. Ho più volte chiesto cestini, ma...continuo a camminare con il mio sacchettino in mano"; "Sicuramente manca il senso civico - sottolinea la seconda -, ma mancano soprattutto i servizi in molte zone: non un cestino, non un contenitore per i bisogni dei cani, non un posacenere per le cicche".  

"Mi dispiace non lo accetto - tuona Alessandra - è un divieto lesivo di ogni forma di democrazia, discriminatorio e anacronistico". "Sono d'accordo solo sulla parte di multare gli incivili - posta Daniele -, per il resto trovo stupido e non poco proibire il cane per il corso a chi rispetta le regole, è un po' come dire chiudiamo una strada alle automobili perché c'è qualcuno che non rispetta i limiti".  

Qualcun altro invoca il pugno forte e si dice d'accordo con l'intenzione di Mastella di incrementare le multe: "A questa inciviltà delle persone bisogna rispondere con le multe - consiglia Maria - altrimenti la gente non capisce"; "Multe salate - ribatte Maurizio - E multe anche a chi lascia oggetti, carte per strada". C'è chi poi, come Rossella è completamente d'accordo e scrive: "Più che giusto!".