Vietato il ballo delle debuttanti alle coppie gay: accade in un liceo di Prato

Il liceo Cicognini di Prato
Il liceo Cicognini di Prato

Il liceo Cicognini di Prato, noto per aver ospitato anche Gabriele D’Annunzio, è finito nel mirino della comunità Lgbtqia+ in quanto ha vietato alle coppie omosessuali di partecipare al ballo dei debuttanti.

Prato, ballo delle debuttanti vietato alle coppie omosessuali

A denunciare la vicenda sono state alcune coppie omosessuali dell’istituto che hanno ricevuto un “no” secco alla loro volontà di partecipare al ballo. I giovani discriminati hanno parlato anche con l’Arcigay Prato-Pistoia “l’Asterisco”, per cercare di risolvere la situazione. Vista la forte attenzione mediatica, il quotidiano La Repubblica, ha deciso di intervistare la Preside dell’istituto. La dirigente scolastica ha risposto: “Un’istanza che non potevamo avallare, perché si tratta di una tradizione centenaria sulle cui dinamiche non sono io a decidere. Io sarei favorevole a proporre un cambiamento, ma solo a partire dal prossimo anno“.

Il commento dell’Arcigay

La Preside dunque dice di essere dispiaciuta ma di non poter fare altro a causa delle antiche leggi dell’istituto. L’anno prossimo, stando alle parole della Dirigente scolastica, con l’apertura di un fronte di riflessione, si potrà discutere di un’ammodernamento delle regole. Intanto, quest’anno, le coppie non etero non potranno comunque partecipare al ballo delle debuttanti, uno degli eventi più attesi dell’anno. L’Arcigay ha commentato: “Il contrasto a un fenomeno diffuso e particolarmente dannoso per la libertà di esprimersi, di amare, della piena realizzazione di sé come l’omolesbobitransfobia passa anche dall’inclusione di realtà e persone costrette troppo spesso ai margini della nostra società e la cui esistenza e i loro diritti non sono riconosciuti e tutelati“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli