Vietato il taglio della barba

·2 minuto per la lettura
Afghanistan
Afghanistan

In Afghanistan i talebani vietano agli uomini di tagliarsi la barba. Sostengono che questo viola la legge islamica. I parrucchieri non potranno più tagliare la barba ai propri clienti.

Afghanistan, i talebani vietano agli uomini di tagliarsi la barba: l’ordine ai parrucchieri

La nuova amministrazione talebana che sta guidando l’Afghanistan ha vietato ai parrucchieri della provincia di Helmand di tagliare la barba ai propri clienti. Gli uomini non potranno più tagliarsi la barba, in quanto i talebani sostengono che questo viola la loro interpretazione della legge islamica. Sono tanti i barbieri della capitale Kabul che hanno dichiarato di aver ricevuto lo stesso ordine. A riportare la notizia la Bbc, che ha spiegato che sono previste pesanti sanzioni per tutti i trasgressori.

Afghanistan, i talebani vietano agli uomini di tagliarsi la barba: “Nessuno ha il diritto di lamentarsi”

Nei saloni della provincia meridionale di Helmand, i talebani hanno ordinato ai parrucchieri di seguire la legge della Sharia per il taglio di capelli e barbe. “Nessuno ha il diritto di lamentarsi” si legge nell’avviso. “I combattenti continuano a venire e ci ordinano di smettere di tagliare la barba. Uno di loro mi ha detto che possono mandare degli ispettori sotto copertura per punirci” ha dichiarato un barbiere di Kabul alla Bbc. Un altro parrucchiere, che gestisce uno dei saloni più importanti della città, ha dichiarato di aver ricevuto una chiamata da qualcuno che dichiarava di essere un funzionario del governo, che gli ha intimato di “smettere di seguire gli stili americani” e di non tagliare più la barba a nessuno.

Afghanistan, i talebani vietano agli uomini di tagliarsi la barba: il problema economico

Il nuovo ordine dei talebani non ha solo conseguenze “stilistiche” ma rischia di diventare un serio problema economico per i parrucchieri. “Per anni nel mio salone sono venuti giovani che volevano tagli alla moda, ma se le regole non verranno cambiate per me e per molti altri sarà un problema continuare a lavorare. Ho fatto questo lavoro per oltre 15 anni: così, però, non ha più nessun senso andare avanti” ha dichiarato uno di loro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli