Vigili urbani positivi a Napoli, ci sono difficoltà

·1 minuto per la lettura
Vigili urbani
Vigili urbani

Oggettive difficoltà per il Comune di Napoli e in particolare per la sua Polizia Municipale. il Coronavirus ha letteralmente decimato il corpo dei vigili urbani che, al momento, conta 30 positivi e altri 170 in isolamento fiduciario. E’ il comandante della polizia partenopea, Ciro Esposito, intervistato su Radio Crc, a spiegare la difficile situazione che la Polizia Municipale partenopea sta attraversando: “In questi giorni abbiamo attivato già primi interventi, ho alcuni miei uomini che vivono ad Arzano e rischiano di restare fuori (la cittadina è stata dichiarata zona rossa).

Coronavirus, agenti positivi a Napoli

Ho 30 persone positive al Covid, 170 in quarantena e abbiamo evitato in sicurezza la diffusione del contagio come corpo municipale. Noi lavoriamo per la collettività”. E, ancora: “Siamo una categoria a rischio in quanto a contatto con la cittadinanza. Nella scorsa primavera non c’erano questi numeri. Siamo attenti nelle nostre strutture, però nella vita privata i contatti inducono a esposizioni. Avremo un servizio di notte per la nuova ordinanza”.

In Campania entrerà in vigore, già a partire da domani, venerdì 23 ottobre, la nuova ordinanza che prevede il coprifuoco e il divieto di spostamenti interprovinciali senza valido motivo e l’istituzione della zona rossa ad Arzano (entrata in vigore questa notte), in provincia di Napoli, a seguito di un aumento esponenziale di nuovi contagi Covid. Così come la Campania, anche la Lombardia, nrlle stesse ore, ha optato per la chiusura anticipata di locali ed attività.