Vignali: dal 2 novembre parte registrazione per CIE in Svizzera

Dmo
·1 minuto per la lettura

Roma, 26 ott. (askanews) - "La carta di identità elettronica verrà rilasciata in Svizzera dal 16 novembre in tutti i consolati e il processo di registrazione inizierà dal 2 novembre, quindi è imminente", ha annunciato il direttore generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie, Luigi Maria Vignali, parlando alla radio svizzera OneFive. "Abbiamo giù un grandissimo interesse, considerate che la Svizzera, dove vivono 650mila italiani, è il terzo grande paese in termini di collettività ad avere la CIE, dopo Francia e Germania", ha aggiunto Vignali. "E' un impegno importante: bisogna prendere un appuntamento, venire in consolato per le impronte digitali e poi la carta d'identità viene spedita direttamente a casa. Contiene un chip, che consentirà di accedere alle varie procedure digitali della PA italiana. Non è solo un documento di riconscimento nuovo, facile da usare, ma è anche una porta di accesso ai servizi informatici della pubblica amministrazione", ha ricordato. Per Vignali, poi il processo di digatilizzazione "è irreversibile, permea la vita di ciascuno di noi in un periodo di emergenza sanitaria in cui bisogna evitare contatti diretti" e anche in questo la Farnesina ha cercato "di adeguarsi con un impegno importante e con il portale Fast-it, che velocizza il processo di registrazione all'anagrafe consolare e diventerà il portale per tutti i servizi consolari. Segnalo anche la app Mappamondo, scaricabile gratuitamente dagli store, un servizio imprescindibile per chi voglia integrarsi rapidamente e interagire con i nostri consolati".