Villa Romana a Positano, sindaco: simbolo della nostra ospitalità

Cgi

Positano (Salerno), 6 set. (askanews) - La recente scoperta di una villa antica romana a Positano "aggiunge qualcosa di importante alla nostra cartolina, già bella". Così Michele De Lucia, Sindaco di Positano in un colloquio con Askanews.

La villa Romana di Positano e i suoi scavi sono stati aperti al pubblico da un anno. "La vediamo in tutto il suo splendore", prosegue De Lucia. "Era la villa di un patrizio romano, questo significa che già 2000 anni fa la nostra splendida città Positano, faceva turismo e lo faceva di qualità. Era di un patrizio molto danaroso e si capisce dalla consistenza degli affreschi e dai colori, a quei tempi molto costosi. Questo spinge a notare due cose: Positano da sempre era molto ospitale ed era legata alla cultura, in tante sfaccettature. Sicuramente la danza è prevalente", aggiunge in riferimento al premio "Positano Premia la Danza - Lèonide Massine", da cinque anni sotto la direzione di Laura Valente, organizzato dal Comune di Positano, con il supporto dalla Regione Campania e i fondi a valere sul "Programma Operativo Complementare" (POC) Campania 2014-2020.

Positano ha avuto tanti ballerini, soprattutto di scuola russa, da Massine a Nureyev, ma anche tanti altri che hanno visitato l'isola li Galli. Quindi siamo stracontenti di mettere in correlazione il nostro premio Positano che ha raggiunto i 47 anni d'età con questa scoperta straordinaria che aggiunge qualcosa di importante alla nostra cartolina già bella di Positano.