Vincent Lambert è morto

HuffPost

È morto Vincent Lambert, l’uomo tetraplegico da oltre 10 anni, simbolo in Francia della lotta per il fine vita. Ne ha dato notizia la sua famiglia questa mattina. Per il Vaticano è “una sconfitta per la nostra umanità”.

Dopo l’ultima decisione del tribunale, i medici gli avevano sospeso cure e alimentazione da martedì 2 luglio. 

La stessa sera oltre 300 persone si erano radunate davanti alla chiesa di Saint-Sulpice a Parigi per una veglia di preghiera dedicata al tetraplegico, in stato vegetativo da quasi 11 anni.

 

 

Il caso di Vincent Lambert è stato anche la storia di uno sconvolgimento familiare. La moglie dell’uomo, Rachel Lambert, così come sei dei suoi fratelli e sorelle nonchè il nipote Francois, hanno protestato per anni contro quella che definivano una “inesorabilità terapeutica” chiedendo che gli venisse concesso il diritto di morire. Gli anziani genitori, ferventi cattolici, volevano invece che non fossero staccate le macchine che lo tenevano in vita. 

In un tweet della Pav, la Pontificia Accademia per la Vita, si legge come il Presidente Mons Vincenzo Paglia e tutta l’associazione si siano raccolti in preghiera per la famiglia di Vincent Lambert, per i medici, per tutte le persone coinvolte in questa vicenda. “La morte di Vincent Lambert e la sua storia sono una sconfitta per la nostra umanità”. 

Leggi anche...

Maria Antonietta Farina Coscioni, fondatrice dell’istituto Luca Coscioni, non parla di eutanasia: ”È stato applicato a un disabile non terminale un percorso di sedazione...

Continua a leggere su HuffPost