Vincenzo Visco: "Sciocchezza ridurre l'Irap"

·1 minuto per la lettura

''La riduzione dell'Irap è una sciocchezza''. ''L'imposta serviva a finanziare la sanità ma se uno inizia a togliere categorie di reddito'' dalla base imponibile ''significa semplicemente che non c'è più un collegamento tra spesa sanitaria e costo individuale''. Lo afferma l'ex ministro delle Finanze, Vincenzo Visco, conversando con l'Adnkronos . '''Faranno un pasticcio'' perché ''i soldi non ci sono: per fare un'operazione pulita ci vogliono almeno 3 miliardi e qui ce n'è 1''. ''Stanno solo abolendo pezzi e pezzetti'' d'imposta. ''Cancellano un pezzo alla volta''. ''La toglieranno a qualcuno sì e agli altri no e si aggraverà la disparità tra diversi tipi di reddito e di lavoro'', sottolinea il presidente del Nens. ''E' un'operazione spicciola e aggraverà la disparità tra diversi tipi reddito e di lavoro''.

''L'irap era un'imposta che aveva una logica molto moderna e ciò non è mai stato capito però ne avremo bisogno in futuro'', spiega l'ex ministro che fu tra gli 'artefici' dell'imposta. ''Adesso in molti paesi stanno introducendo a pezzi e bocconi imposte che alla fine, sommate tutte quante, assomigliano all'irap perché tutti hanno il problema di fiscalizzare i contributi e in particolare quelli sanitari''.

L'imposta regionale sulle attività produttive ''tassava il reddito nazionale netto e serviva a finanziare la sanità, era proporzionale e quindi tutti pagavano un contributo sanitario attraverso l'irap, dopodiché se le regioni sforavano nella spesa dovevano aumentare l'imposta. Adesso questo disincentivo è venuto meno, sta venendo meno. Quindi è proprio una sciocchezza'', sottolinea Visco. Infine ''se sostituisco un'imposta a larga base, per recuperare il gettito su singole imposte con base minore tipo l'ires devo aumentare le aliquote molto, e questo è sbagliato''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli