Vini di pregio e nuove prospettive economiche. Sono ancora un bene rifugio?

(Adnkronos) - Tradizionalmente considerati a prova di inflazione, i fine wine hanno attirato gli investitori alla ricerca di beni immobili sicuri in tempi di incertezze e di sfide economiche. Tuttavia, come riporta The Drinks Business, il mese scorso sia il Liv-ex 100 che il Liv-ex 50 sono scesi per la prima volta in più di due anni. Il futuro e le congiunture economiche, ovvero il combinarsi di fenomeni socioeconomici che determinano, in ogni momento, una particolare evoluzione del sistema economico, hanno influenzato il Liv-ex Fine Wine 100, un indice di riferimento che replica l'andamento dei prezzi dei 100 vini pregiati più ricercati sul mercato secondario.

Il rapporto di mercato di agosto mostra una decrescita dello 0,3% per la prima volta da giugno 2020. Fino ad allora, aveva goduto di 24 mesi di rialzi con un aumento del 36,1%. Il rapporto mensile ha anche notato una tendenza simile nel Liv-ex 50 (segue Bordeaux First Growths), in calo dello 0,9% in quel periodo, con il Rhone 100 in calo dell'1,1% e il resto del mondo 60 in calo dello 0,8%. La pressione delle prospettive socio economiche globali inizia a pesare in una certa misura anche sul buon vino. ".. .l'aumento dell'inflazione e i timori di una recessione stanno senza dubbio preparando la scena per un periodo autunnale e invernale di prova ", ha affermato Liv-ex.

Segnali di fiducia giungono da Champagne e Borgogna che al contrario non hanno mostrato segni di calo della domanda: lo Champagne 50 è aumentato del 3,1%, mentre anche il Borgogna 100 è aumentato dell'1,2%, mentre i più larghi Bordeaux 500 e Italia 100 sono rimasti stabili rispettivamente allo 0,1% e allo 0,3%. Un indicatore del " maggiore resilienza del mercato secondario di fronte a pressioni esterne ” secondo Liv-ex è Liv-ex 1000, aumentato dello 0,4%, portando la sua crescita da inizio anno all'11,6%, o 49,5% negli ultimi cinque anni.

Matthew O'Connell, CEO di LiveTrade, la piattaforma di trading online di Bordeaux Index, ha dichiarato che, sebbene il ritmo di aumento dei prezzi del vino sia leggermente rallentato durante il secondo trimestre del 2022, i suoi stessi indici hanno visto il mercato del vino salire dello 0,8% a luglio e in crescita dello 0,4% finora ad agosto, con guadagni di oltre il 10% quest'anno, che ha definito “molto forte in qualsiasi contesto”.

Nessun allarme, dunque, secondo Olivier Staub, chief investment officer di Cult Wine Investment, che ha indicato una crescita positiva del Liv-ex-1000 come una panoramica più ampia del mercato secondario. “Stiamo vedendo molte persone gravitare verso 'beni reali' e il vino è uno di questi". Il FTSE 100 ha registrato un aumento del 3,4% a luglio rispetto al mese precedente, con l'S&P 500 in aumento del 7,8%, sebbene quest'ultimo sia ancora -13,6% da inizio anno e in calo del 7% nello stesso periodo lo scorso anno, rispetto allo 0,7% del FTSE da inizio anno, e un aumento del 4,8% negli ultimi 12 mesi.

Due settimane fa Bordeaux Index ha segnato un rialzo del 37% delle entrate rispetto ai primi sei mesi dell'anno, segno che gli investitori cercano un rifugio sicuro dall'aumento dell'inflazione. Il mercato del vino sta vivendo comunque un momento positivo e il futuro è di consolidamento. Negli ultimi 24 mesi i guadagni sono stati a doppia cifra, un trend che senza dubbio non può essere la performance di ogni mese.

Adnkronos - Vendemmie