Vino e BBQ: l’abbinamento perfetto per Ferragosto

(Adnkronos) - Qualche amico, del buon cibo, aria e luce estive che rallegrano e ci portano a stare all’aperto, se poi ci mettiamo che è Ferragosto beh, un buon barbecue è sicuramente la soluzione migliore per godersi la giornata al meglio e in compagnia! Ma per rendere il tutto ancora più appagante serve anche la giusta bottiglia di vino da abbinare alla nostra grigliata. E si sa, in ogni gruppo di amici c’è l’esperto fuochista, il cuoco che sa come condire e speziare il cibo al punto giusto, ma serve anche l’esperto di vino. Se questo ruolo fosse libero, correte e fatelo vostro, perché vi diamo qualche consiglio per abbinare la giusta bottiglia al vostro barbecue e rendere questo Ferragosto un momento gustoso da veri gourmet.

Il barbecue per antonomasia è quello a base di carne, vediamo dunque quali sono, in base al tipo di tipologie e di tagli, gli abbinamenti migliori.

Le carni rosse richiedono vini rossi di una certa struttura come, ad esempio, un Etna Rosso o un Pinot Nero ma anche vini che non sono pensabili in una stagione come quella estiva come Barolo, Brunello di Montalcino o Chianti Classico l’importante, in questo caso, sarà preferire quelli con uno stile più fine, elegante e beverino, che si prestano anche a temperature di servizio più basse. Ma attenzione, nuovi stili di bere, negli ultimi tempi vedono protagonisti accanto a cibi iconici da barbecue come la bistecca alla fiorentina, anche bollicine Metodo Classico fino allo Champagne, non si tratta di azzardo ma di un vero e proprio abbinamento seguito e apprezzato anche dai più noti sommelier.

Con le carni bianche come pollo, tacchino, coniglio e vitello l’abbinamento richiama ancora di più vini dal carattere estivo come bianchi e rosati capaci di esaltare e non coprire le caratteristiche gustative di queste carni, anche laddove ci sia l’aggiunta di spezie.

Sulla carne di maiale, in qualsivoglia preparazione e forma - salsicce, costine, braciole - invece, l’abbinamento ideale è quello con vini rossi freschi e di corpo leggero come l’altoatesina Schiava e perché no, anche frizzanti, come Bonarda e Lambrusco per andare in Lombardia o in Emilia.

Un tipo di barbecue che richiama ancora di più l’estate e le vacanze è certamente quello a base di pesce.

Anche qui la tipologia è importante e da non sottovalutare, specie se partiamo dalla sua origine, acqua dolce o di mare. Con il pesce d’acqua dolce saranno da preferire vini bianchi beverini e di struttura come Verdicchio o Soave, mentre se si parla di pesce d’acqua salata si prediligeranno vini bianchi e rosati ancora più strutturati con grado alcolico più alto (13° o più). Se sulla griglia ci saranno i crostacei, invece, il gioco cambia e si lascia spazio a spumanti Metodo Classico, sempre con un contenuto zuccherino molto basso o secco. Non saranno tuttavia da escludere del tutto i vini rossi, specie sul tonno o preparazioni speziate, in quel caso vini rossi leggeri poco strutturati e fruttati saranno un perfetto abbinamento, specie se serviti freschi.

Sulla verdura alla griglia la bollicina non può e non deve mancare e il Prosecco è l’ideale, tuttavia, non sono da escludere i bianchi profumati e fruttati come il Gewurztraminer, Malvasia o lo Chardonnay.

Insomma, l’abbinamento cibo-vino rende davvero migliore ogni momento conviviale intorno a una tavola, vi invitiamo a cercare il vostro preferito e anche a sdoganare gli abbinamenti più classici, l’importante è che il Ferragosto sia all’insegna del buon cibo e sempre del buon vino.

Adnkronos - Vendemmie