Vino: in Trentino 26 agricoltori pronti per premio al miglior vigneto di Marzemino

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Trento, 25 ago. (Labitalia) – Quaranta vigneti di Marzemino, per un totale di 22 ettari, in gara per conquistare l’ambìto riconoscimento nato per premiare il lavoro di chi si impegna non solo a dare vita a un’uva eccellente ma anche ad impreziosire e rendere unico il paesaggio. Il Covid non ferma, anche quest’anno, l’originale concorso ideato nel 2001 dal Comune di Isera, Città del Vino della Vallagarina, in Trentino, con l'obiettivo di premiare il lavoro svolto in vigna nel corso di tutto il ciclo produttivo dell'uva, nella consapevolezza di quanto i terreni vitati concorrano alla bellezza del territorio, a vantaggio sia di chi lo abita che di chi lo visita.

Sono 26 gli agricoltori in gara quest’anno, tra cui 4 donne e 5 under 40, a conferma di un importante ritorno dei giovani in agricoltura. A contendersi il titolo de 'La vigna eccellente', appezzamenti di Marzemino, varietà a bacca nera proveniente dal Caucaso che in queste terre ha trovato un habitat ideale per dare vita ad un grande vino, entrato a ragione tra le eccellenze enologiche trentine.

Sono appunto 40 i vigneti candidati, per un totale di 220 mila metri quadrati, dei Comuni di Isera, Nogaredo e Mori, che nell’ultimo periodo sono stati interessati da una prima visita di Bruno Matté, tecnico della Fondazione Edmund Mach-Istituto Agrario di San Michele all’Adige, per una scrematura orientata a selezionare i dieci migliori in base a un'analisi generale del vigneto considerando posizione, esposizione, sesto di impianto, forma di coltivazione, tipo di conduzione – biologico, integrato, ecc. – e tecniche di gestione dell'interfilare, valutando al contempo la corretta gestione del vigneto, la gestione della chioma, lo sfalcio dell'erba, l'equilibrio vegeto-produttivo e, per ultimo, la quantità di uva.

A questa fase, seguirà la visita di tutta la commissione di esperti, presieduta da Attilio Scienza, docente di Viticoltura alla Facoltà di Agraria dell'Università di Milano, e composta da Marco Stefanini, Duilio Porro e lo stesso Bruno Mattè, tecnici della Fondazione Edmund Mach-Istituto Agrario di San Michele all’Adige, dal giornalista e Gran Maestro della Confraternita della Vite e del Vino di Trento Enzo Merz, da Carlo Rossi che, nel 2001, ha tenuto a battesimo il concorso in qualità di sindaco di Isera, e da Franco Nicolodi coordinatore regionale dell'Associazione italiana Città del Vino.

I primi tre classificati, a cui verrà riconosciuto un premio in denaro, saranno annunciati durante la premiazione in programma domenica 12 settembre nell’ambito della giornata conclusiva de 'La vigna eccellente. Ed è subito Isera', evento dedicato al Marzemino e nato a corollario del concorso, organizzato dal Comune di Isera con il supporto di Trentino Marketing, il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell'ambito del coordinamento delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest, e la collaborazione di Apt Rovereto e Vallagarina.

“Nonostante le forti grandinate che hanno interessato i vigneti soprattutto nel corso del mese di luglio e a inizio agosto – commenta la giuria – si conferma la grande cura posta in generale nella gestione dei vigneti. La speranza è che in questo ultimo mese di maturazione il meteo sia favorevole: siamo in forte ritardo rispetto allo scorso anno ma più in linea con la media stagionale. Molto probabilmente la vendemmia del Marzemino si svolgerà a fine settembre”. Nel corso dell’incontro, verrà inoltre conferito per il quinto anno consecutivo il premio letterario intitolato a Francesco Graziola, storico membro della giuria del concorso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli