Violento frontale nel Veneziano: quattro morti

·2 minuto per la lettura
Bus crashed into a wall
Bus crashed into a wall

Quattro persone sono morte in uno scontro frontale tra due auto nel Veneziano, lungo la strada statale 14 Triestina. Lo schianto violentissimo è avvenuto poco prima di mezzanotte in località Portegrandi nel comune di Quarto d'Altino, vicino al capoluogo veneto. Si tratta di una strada molto trafficata, soprattutto nelle ore notturne, da parte di giovani che si recano a Jesolo per trascorrere la serata.

Nonostante i tentativi di rianimazione il personale medico ha dovuto constatare la morte di tre persone, che viaggiano a bordo di una vettura, due donne e un uomo, e la morte dell'altra conducente.

Le forze dell'ordine hanno reso noto le identità delle vittime. Si tratta di Tatiana Celina Ciobanu, 40 anni, che si trovava alla guida di una delle vetture coinvolte; del marito Franisc Marita Ciobanu, di 45 anni e della figlia Diana Francesca Ciobanu, di 21 anni. I tre, di origine romena, vivevano da molti anni a Jesolo (Venezia), assieme a un secondo figlio maschio della coppia, che non era in auto. La quarta vittima è Jyotika Piaser, 29 anni, di origine indiana residente a Mestre, che si trovava alla guida del secondo veicolo.

A bordo della terza vettura coinvolta si trovavano un uomo di 65 anni di Treviso, con la compagna di 62 anni, di Mestre. Sono stati medicati e dimessi dopo una visita al Pronto soccorso: hanno tamponato le auto delle vittime non avendole viste, in quanto si trovavano in un tratto non illuminato.

GUARDA ANCHE: Tragedia a Capri, precipita un pulmino

I pompieri arrivati da Mestre con tre squadre, hanno messo in sicurezza le due auto, tra cui una rovesciata finita nel fossato ed estratto gli occupanti. Durante le operazioni di soccorso e recupero dei mezzi la strada è rimasta chiusa. I carabinieri ha deviato il traffico ed eseguito i rilievi del sinistro. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate alle 4.

GUARDA ANCHE: Paura in cielo, i paracaduti si scontrano e finiscono in mare

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli