Violenza contro donne, Schlein: tutelare l’occupazione femminile

featured 1674198
featured 1674198

Roma, 23 nov. (askanews) – La tutela delle donne contro la violenza deve passare anche per la difesa della loro indipendenza economica: lo ha detto la deputata eletta nelle liste PD Elly Schlein nel suo primo intervento alla Camera dei Deputati, durante la discussione dei progetti di legge sull’argomento, alla vigilia della giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre. Schlein ha ricordato che dall’inizio dell’anno sono stata uccise 104 donne, di cui 88 in ambito familiare o emotivo di cui 52 uccise dal partner o dall’ex partner.

“E’ un dato incontrovertibile: la violenza sulle donne nella società patriarcale non è episodica, è strutturale, e per affrontarla bisogna agire in modo sistemico a livello di prevenzione, di norme, di cultura e di economia a partire dal sostegno alla preziosa attività che svolgono i centri antiviolenza e le case rifugio, difendendone l’autonomia e favorendone la presenza capillare nel paese” ha detto Schlein, ricordando che serve formazione per tutti gli operatori coinvolti.

Ma nel quadro delle iniziative e delle norme – su cui sembrano tutti d’accordo, almeno a parole, dalla premier Meloni ai banchi del governo a quelli dell’opposizione – la differenza si punta a sinistra sulla necessità di tutelare l’occupazione femminile e quindi di misure economiche non solo per la maternità ma per il lavoro, indispensabile per emanciparsi da un compagno violento.

4:04-5:05 “Altro tassello fondamentale nel contrasto alla violenza di genere è l’emancipazione economica delle donne, perché solo così potranno liberarsi da quel ricatto” ha detto Schlein. “Attenzione, cancellare il reddito di cittadinanza significa canellare strumenti di emancipazione. Alle donne che escono dalla violenza bisogna garantire una casa e un lavoro dignitoso, non povero o precario; chiudere i divari contrattuali e salariali di genere, investire nelle strutture educative per liberare le donne dal carico di cura che grava sproporzionatamente sulle loro spalle”.

“E’ anche l’occasione per ricordare che la violenza patriarcale non colpisce solo le donne ma anche le persone LGBTQ+ che sono persone e hanno diritti, non certo un “abominio”, mi auguro che il governo prenderà le distanze dalle affermazioni del capogruppo di Fratelli d’Italia Malan” ha aggiunto Schlein.