Violenza donne, D'Incà: intervenire su piano sociale e culturale

Lsa

Roma, 25 nov. (askanews) - "Nel 2018 in Italia ci sono stati 142 casi di femminicidio. Da gennaio di quest'anno ad oggi ne sono stati registrati 95. L'ultima vittima è stata Ana, uccisa qualche giorno fa nel palermitano. E inevitabilmente penso a mia figlia, al mondo che l'aspetta, al dovere che sento nei suoi confronti e nei confronti di tutte le donne". Lo ha affermato il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D'Incà, inn un pst sun facebook per la Giornata internazione contro la violenza sulle donne.

"Noi che siamo alla guida di questo Paese siamo chiamati quotidianamente ad agire perché abbiamo un dovere morale e politico doppi. In questi mesi - ha sottolineato D'Incà - abbiamo approvato in Parlamento il 'Codice Rosso' per tutelare le vittime di violenza, ma dobbiamo intervenire anche sul piano sociale e culturale, educando i nostri giovani al rispetto, alla parità di diritti tra donna e uomo, al ripudio della violenza. Vorrei consegnare a mia figlia un Paese dove il 25 novembre torni ad essere un giorno come gli altri. Dove non sia più necessario lottare per affermare un principio di normalità. Vorrei consegnarlo a lei e a tutte le nuove generazioni".