Violenza donne, Fico: è battaglia culturale, cambiare modello donna

Gal

Roma, 25 nov. (askanews) - La battaglia contro la violenza sulle donne è innanzitutto una "battaglia culturale". Lo sostiene il presidente della Camera, Roberto Fico, che oggi nel cortile di Montecitorio ha inaugurato la "panchina rossa" il simbolo dell'adesione della Camera dei deputati alla campagna contro la violenza sulle donne. Sulla panchina c'è una targa con il numero di emergenza 1522 per chiedere soccorso.

"C'è un significato culturale e nella Camera anche politico. In questa legislatura abbiamo approvato il 'codice rosso', nelle scorse legislature la legge sul femminicidio e la convenzione di Istanbul. Le norme ci sono, ora c'è da fare una battaglia culturale. Le statistiche dicono che l'85 per cento delle violenze avvengono in famiglia, quindi il problema è assolutamente culturale, sociale ed economico", insiste Fico secondo il quale occorre promuovere "un modello di donna diverso", un modello che "che spesso sono gli uomini a creare e comunicare". La nostra, osserva, è "una società maschilista, dobbiamo combattere il machismo, dobbiamo andare in un'altra epoca e tutto questo si costruisce con l'atteggiamento e l'esempio, con la parità di compenso e con la comunicazione" perciò hanno una grande responsabilità i mass media e la stampa. Serve una comunicazione giusta, etica perchè il problema è fortemente culturale".

Alle donne invece il presidente della Camera ribadisce che "mon è mai colpa vostra, chiunque usi violenza va contrastato e denunciato perché con le nuove norme e il numero di emergenza sarete protette, non tralasciate neanche il primo segnale".

La panchina rossa nel Cortile d'onore di Palazzo Montecitorio è stata installata in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, grazie all'approvazione all'unanimità dell'ordine del giorno al Bilancio della Camera dei deputati. L'ordine del giorno era stato presentato dalla vicepresidente Maria Edera Spadoni e sottoscritto dai vicepresidenti Mara Carfagna, Ettore Rosato e Fabio Rampelli.

Il progetto 'panchine rosse' degli 'Stati Generali delle donne', che si pone l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini sul tema della violenza contro le donne, è stato vincitore del bando indetto nel 2017 dal Ministero delle Pari opportunità e consiste nel dipingere di rosso alcune panchine dislocate nei parchi e nelle vie delle città, nel centro come in periferia in ricordo delle donne vittime di femminicidio. Tutte le panchine riportano il numero nazionale antiviolenza 1522 perché, oltre che un momento di riflessione, vogliono essere uno strumento utile per indicare, a chi ne avesse bisogno, come iniziare un percorso di fuoriuscita dalla violenza. Anche sulla panchina rossa nel cortile della Camera verrà affissa una targa che riporta questo numero.

Alle 18 poi la facciata di Palazzo Montecitorio si illuminerà di arancione. Questa iniziativa si inserisce nel quadro della campagna di sensibilizzazione internazionale delle Nazioni Unite UN Women, dal titolo "Orange the World". Il colore arancione simbolizza un futuro più luminoso, libero dalla violenza. Aderendo a queste due importanti campagne di sensibilizzazione, la Camera dei Deputati conferma il proprio convinto impegno per la promozione dell'uguaglianza di genere e per la lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne.