Violenza donne, Gualtieri “Oltre all’indignazione serve un impegno corale”

ROMA (ITALPRESS) – “Grazie a Emanuela Di Marzio per la forza che ha avuto, questo tragico fenomeno si nutre della paura delle vittime”. Commenta così il sindaco di Roma Roberto Gualtieri il caso della ragazza con disabilità vittima di violenza che ha portato la sua testimonianza durante una iniziativa promossa dal Campidoglio questa mattina sulla violenza contro le donne. “Questo incontro che siamo lieti di ospitare arriva alla vigilia della giornata della violenza sulle donne del 25 novembre – aggiunge -. Bisogna capire come tutti i soggetti possano contribuire nelle diverse aree P come la prevenzione e la protezione tutte insieme per contrastare un fenomeno criminale pesante, diffuso nella nostra società e che per troppo non ha avuto l’attenzione e il quadro politico per affrontarlo come priorità assoluta nel segno della civiltà. Oltre all’indignazione quello che serve è un impegno corale, culturale perchè interessa la salute pubblica ma anche le politiche sociali, bisogna fare una importante presa di coscienza”.
Gualtieri sostiene che “l’elemento che emerge è che per contrastare la violenza sulle donne bisogna conoscere tutti i suoi aspetti perchè sono collegati se non si affrontano le cause e le modalità delle altre forme di violenza psicologica ed economica che creano dipendenza. Noi vogliamo potenziare quella che deve essere una legge solida e integrata per aiutare le donne vittime di violenza, dare continuità e sostegno ai centri anti violenza, mettere nelle condizioni le associazioni di avete tutti gli strumenti per il contrasto alla violenza di genere”, conclude.
foto xl3 Italpress
(ITALPRESS).