Violenza donne, Martella:per battaglia centrale ruolo informazione

Red/Lsa

Roma, 25 nov. (askanews) - "Il contrasto alla violenza sulle donne richiede una molteplicità di interventi che vanno dai maggiori investimenti nei servizi sociali di protezione e reinserimento lavorativo delle vittime, al rilancio dei consultori, ai progetti educativi per i giovani nelle scuole e nelle università. Ma in questa battaglia doverosa anche il ruolo dell'informazione ha un'importanza centrale". A sottolinearlo, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'Informazione e all'Editoria, Andrea Martella.

"Il compito degli operatori dell'informazione è particolarmente delicato. Non si tratta solo di tenere costantemente acceso il riflettore sugli episodi che purtroppo si ripetono incessantemente anche nel nostro Paese. Alla cruda cronaca dei fatti - prosegue Martella - è indispensabile aggiungere un valore aggiunto, quello dell'informazione come strumento di sensibilizzazione, di trasformazione culturale, di affermazione della civiltà del rispetto nei confronti delle donne. Un ruolo dunque di grande responsabilità - conclude il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio - che, a maggior ragione, porta a considerare il rafforzamento dei sostegni al settore anche come forma di investimento sociale"