Violenza sulle donne, cosa fare e come chiedere aiuto

Violenza sulle donne, cosa fare e come chiedere aiuto

Per le donne vittime di violenza è sempre più difficile chiedere aiuto: per questo, in tutto il mondo, si moltiplicano le attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica.

Cos’è il codice rosso

Il 19 luglio del 2019 è stato approvato il cosiddetto “Codice Rosso”. Come succede nei pronto soccorso per indicare le emergenze più gravi, anche la violenza sulle donne ha una "corsia preferenziale" per combatterla, con indagini più veloci.

GUARDA ANCHE - Una panchina rossa contro la violenza sulle donne

Dal punto di vista procedurale è previsto che la polizia giudiziaria, una volta acquisita la notizia di reato, riferisca immediatamente al pubblico ministero, anche in forma orale. Il pubblico ministero, nei casi di delitti di violenza domestica o di genere, entro tre giorni dall'iscrizione della notizia di reato, deve assumere informazioni dalla persona offesa o da chi ha denunciato i fatti di reato.

Il termine di tre giorni può essere prorogato solamente in presenza di imprescindibili esigenze di tutela di minori o della riservatezza delle indagini, pure nell'interesse della persona offesa. Il provvedimento introduce diversi inasprimenti di pena per reati di natura violenta contro donne o minori.

Sono previste, inoltre, pene più pesanti in casi di violenza sessuale e stalking e vengono introdotti i reati di revenge porn e sfregi al viso oltre allo stop ai matrimoni forzati.

GUARDA ANCHE - Femminicidi in aumento rispetto al 2019

Come chiedere aiuto: il numero da chiamare

Il numero da chiamare in caso di violenze è il 1522. Attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, il 1522 è accessibile dall’intero territorio nazionale gratuitamente, sia da rete fissa che mobile. L’accoglienza è disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.

RIspondono operatrici telefoniche che forniscono una prima risposta ai bisogni delle vittime di violenza di genere e stalking, offrendo informazioni utili e un orientamento verso i servizi socio-sanitari pubblici e privati presenti sul territorio nazionale ed inseriti nella mappatura ufficiale della Presidenza del Consiglio – Dipartimento Pari Opportunità.

Le iniziative contro la violenza sulle donne

La giornata ufficiale contro la violenza sulle donne è il 25 novembre: quel giorno i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG sono invitate a organizzare attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica.

La data è stata fissata dall'Assemblea Generale dell'ONU in ricordo di un brutale assassinio nel 1960. Quel giorno, infatti, le tre sorelle Mirabal furono bloccate per strada da agenti del Servizio di informazione militare. Note contestatrici del regime del dittatore Rafael Leonidas Trujillo in Repubblica Dominicana, le tre sorelle furono stuprate, torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.

SPECIALE - Violenza sulle donne

Femminicidi in Italia: una tragedia senza fine

Femminicidio in Italia: i numeri della mattanza e i casi più recenti

Le vittime di femminicidio in Italia nel 2020