Violenza sulle donne, prodotte in carcere 20mila mascherine

Livia Paccarié
·1 minuto per la lettura
Mascherina (Photo: La Città Quotidiano di Salerno e Provincia)
Mascherina (Photo: La Città Quotidiano di Salerno e Provincia)

“Stop alla violenza sulle donne”: è la scritta riportata su 20mila mascherine prodotte all’interno degli istituti penitenziari di Salerno e Santa Maria Capua Vetere in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne che si celebrerà domani in tutto il mondo.

I dispositivi di protezione individuale saranno distribuiti al personale delle amministrazioni penitenziaria e giudiziaria del Ministero della Giustizia come messaggio sociale proveniente dalle carceri per celebrare la ricorrenza. Lo comunica il Ministero di Giustizia in una nota.

Nello specifico, diecimila mascherine chirurgiche (bianche con scritta nera e logo rosso) sono state prodotte nella Casa Circondariale di Salerno nell’ambito dell’iniziativa #RICUCIAMO, progetto nato dalla partnership fra Ministero della Giustizia-Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Commissario straordinario di governo per l’emergenza Covid-19, sottoscritto il 26 maggio scorso dal Ministro Alfonso Bonafede e dal Commissario Domenico Arcuri. Alle due macchine per la produzione industriale di mascherine chirurgiche allestite a Salerno si alternano normalmente 40 detenuti in due turni lavorativi. La produzione ordinaria è di circa 50mila mascherine al giorno per singola macchina.

La parte restante delle mascherine (nere con la stessa scritta rossa) sono state invece realizzate a mano nella Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Sagomate e in tessuto, sono state cucite da una decina di detenute del laboratorio sartoriale della sezione femminile dell’istituto, che dallo scorso mese di ottobre si sono appositamente dedicate alla produzione delle mascherine per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.