Violenze sugli anziani genitori, allontanato da casa

webinfo@adnkronos.com

I Carabinieri della Stazione di Spinea (Ve) hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura di allontanamento dalla casa di famiglia e del divieto di avvicinamento nei confronti di un 50enne del posto, disposta dal Gip del Tribunale di Venezia, sulla base risultati delle delle indagini avviate dai militari a seguito delle denunce presentate sin dal 2014 dal padre e dalla madre, nei suoi confronti per continui e pesanti atti di prevaricazione e violenze all’interno delle mura domestiche, che hanno portato non solo al procedimento penale in corso, ma all’applicazione della misura cautelare. La storia di maltrattamenti risale infatti almeno al 2014, da quanto raccontato dai genitori ai Carabinieri ai quali si rivolgevano al culmine dell’ennesimo episodio di violenza e contrizione psicologica. 

L’uomo, infatti, ha avuto comportamenti sempre più violenti e minacciosi nei confronti dei genitori conviventi, perpetrando una serie di condotte e atteggiamenti vessatori, atti di prevaricazione e violenze tali da ingenerare un costante stato di paura. 

A seguito della serie di denunce acquisite e degli accertamenti svolti dagli investigatori, è stata richiesta dal Pm e convalidata dal giudice la misura cautelare che prescrive all’uomo di abbandonare l’abitazione associato al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime, misura proprio volta a tutelare i due anziani dalle violenze e prevaricazioni; la misura è stata eseguita con la dovuta cornice di sicurezza e coinvolgendo gli uffici degli assistenti sociali.