Virginia Raggi a El Pais: "Salvini è un ciarlatano, noi sindaci lo fermeremo"

HuffPost
Raggi/Salvini

Matteo Salvini ”è un grande ciarlatano e gli si risponde con i fatti. I sindaci, che si occupano di problemi di trincea, non hanno tempo per i selfie con le giacche della polizia”. Il duro attacco al leader della Lega arriva dal sindaco di Roma Virginia Raggi che, intervistata da El Pais, propone un fronte di primi cittadini contro il leghista.

Da ministro dell’Interno “ha lavorato per meno di 36 giorni. Il resto del tempo, 14 mesi, l’ha impiegato girando l’Italia per scattare foto con felpe diverse, mangiare cibi tipici e dando giudizi su qualsiasi cosa” aggiunge la Raggi, secondo cui il leader della Lega “sarà sconfitto dai sindaci”.

La replica di Salvini è caustica:  “Prima la invito a svuotare i cestini e a far ripartire le metropolitane e poi parliamo dei sindaci” risponde il leader della Lega. “L’ultimo sindaco che può parlare in Italia è Virginia Raggi. Non scherziamo”, ha detto dal gazebo per la raccolta firme contro il Mes in centro a Milano.

 

 

“Per la sicurezza e per l’ordine pubblico non ha fatto nulla”, ha aggiunto nell’intervista la Raggi, secondo la quale Salvini ha voltato le spalle” ai sindaci. “Ha promesso l’arrivo a Roma di molti agenti e non l’ha mai realizzato. Salvini è un grande chiacchierone e gli si risponde con i fatti”. La sindaca di Roma risponde anche sul movimento delle Sardine: “I cittadini stanno riappropriandosi delle piazze, in Europa e nel mondo. I sindaci devono dare voce a questi fenomeni. Le dico una cosa: Salvini sarà sconfitto dai sindaci”.

Sulla manifestazione prevista il 14 a Roma replica: “Penso che si riuniranno qui tutte le ‘sardine’ italiane. Credo che la piazza sarà piena. È importante ascoltare tutti i cittadini perché stanno inviando un messaggio. Il mio timore è che i partiti provino a mettere il cappello politico sulla manifestazione. Ma questo ne ridurrebbe il potere”. Alla domanda se canterebbe Bella Ciao, Raggi ricorda: “L’ho già cantata...

Continua a leggere su HuffPost