Virus Cina, nuovo ospedale a Wuhan: costruzione in tempi record

Wuhan nuovo ospedale

Per ovviare all’epidemia di coronavirus che in Cina continua causare morti e contagi, a Wuhan è stata predisposta la costruzione di un nuovo ospedale. La metropoli di 11 milioni di abitanti è infatti considerata l’epicentro e l’origine del virus n-CoV.

Nuovo ospedale a Wuhan

La nuova struttura, stando alle autorità cinesi, dovrebbe essere pronta in tempi record e completarsi in soli dieci giorni. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Xinhua, l’apertura è prevista per il 3 febbraio 2020, ma gli ingegneri a capo del progetto ritengono che possa avvenire anche prima.

I media cinesi hanno già mostrato le prime immagini del cantiere: decine di macchine edili insieme ad altrettanti operai sono impegnati a preparare il terreno sul quale sorgerà l’ospedale, precedentemente destinato a centro vacanze. Questi ultimi, si apprende da fonti locali, guadagneranno una somma di 150 euro all’ora, pari al triplo della paga abituale.

Il nosocomio sarà grande 25mila metri quadrati e ospiterà 1.000 posti letto per venire incontro ai pazienti in continuo aumento che altrimenti rischiano di collassare le altre strutture. Non è comunque la prima volta che la Cina vede un ospedale venir costruito così velocemente. Nel 2003 un gruppo di 7.000 operai completò l’ospedale Xiaotangshan situato nei sobborghi di Pechino in una settimana. All’epoca la necessità era quella di fronteggiare l’epidemia di Sars, una forma atipica di polmonite apparsa anch’essa per la prima volta in Cina. Esattamente come sta accadendo per il virus 2019 n-CoV.