Virus Cina: S&P taglia stima 2020, pil cinese a +5% ma +6,4% in 2021

Virus Cina: S&P taglia stima 2020, pil cinese a +5% ma +6,4% in 2021

Roma, 7 feb. (Adnkronos) – L'emergenza coronavirus colpirà pesantemente l'economia cinese quest'anno ma in prospettiva ci si aspetta un rimbalzo nel 2021. A sostenerlo è S&P che, in un report, ha tagliato da +5,7% a +5% la stima di crescita del pil per il 2020. "La maggior parte dell'impatto economico del coronavirus si farà sentire nel primo trimestre del 2020", commenta Shaun Roache, capo economista dell'area Asia-Pacifico dell'agenzia di rating S&P. Per il 2021, invece, S&P rialza la stima portandola da +5,6% a +6,4%.

"Rispetto alla Sars – sostiene l'agenzia di rating internazionale – il coronavirus sembra più contagioso ma meno grave". Tuttavia, aggiunge Roache, "l'incertezza resta elevata".

La Cina, osserva S&P, rappresenta un terzo della crescita globale, quindi un rallentamento di 1 punto percentuale del tasso di crescita del paese avrà probabilmente un effetto materiale sulla crescita globale.