Virus Cina, passeggero nave Civitavecchia: "Ora abbandonati a noi stessi"

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli"Siamo scesi alle 23,15 dopo una giornata intensa e pesante, più che altro per lo spavento, visto che si è poi rivelata la solita commedia all’italiana". Giuseppe, calabrese, è con la sua compagna al terminal del porto di Civitavecchia, sbarcato d’ala Costa Smeralda pochi minuti fa.  

"Quando hanno avuto l’esito negativo delle analisi avrebbero dovuto far sbarcare le 1300 persone che avevano la necessità di muoversi per tutta l’Italia - spiega all’Adnkronos- Purtroppo il sindaco di Civitavecchia ha ben pensato di farsi pubblicità vietando lo sbarco. Ora siamo qui, abbandonati a noi stessi dopo una crociera che doveva servire ad allontanarci dallo stress. Ci ritroviamo con un parcheggio chiuso senza sapere come fare a rientrare. Non vedo nemmeno il personale della Costa a darci una mano a superare quest’ultimo ostacolo".